Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

L'Isufi con un polo di formazione a Tunisi

Siglato oggi l'accordo tra l'Ateneo salentino e il "Pôle Elgazala des Technologies de la Communication". L'iniziativa consolida la rete di collaborazione per la ricerca nel Mediterraneo

La Scuola Superiore Isufi dell'Università del Salento sbarca a Tunisi e insedia un proprio polo per la ricerca presso Technopôle Elgazala Oggi la firma dell'accordo, presso il ministero delle Tecnologie della comunicazione Tunisino, tra l'Ateneo salentino e il "Pôle Elgazala des Technologies de la Communication".

"Con questa iniziativa consolidiamo la rete dei poli di alta formazione, ricerca e innovazione caratterizzante la Scuola Mediterranea dell'ingegneria dell'innovazione digitale ed organizzativa - dichiara Aldo Romano, delegato dal rettore Oronzo Limone alla firma del protocollo - lanciata nel 2004 con un accordo intergovernativo Italia-Marocco".

L'accordo prevede la realizzazione di un polo di alta formazione, ricerca e innovazione finalizzato a sviluppare competenze e capacità per sostenere le Pmi tunisine nei processi di innovazione digitale ed organizzativa; stimolare la crescita di capitale tecnologico ed umano nelle imprese e nelle filiere strategiche dell'economia tunisina; organizzare, sostenere e consolidare lo sviluppo di reti di cooperazione tra imprese italiane e tunisine; sostenere la convergenza della Tunisia sugli scenari dell'economia digitale e della società della conoscenza.

Il polo che la Scuola superiore Isufi insedia presso il Technopôle Elgazala trarrà benefici dalla presenza in loco di 52 imprese nazionali e multinazionali operanti nei settori dell'informatica, delle telecomunicazioni e dei servizi avanzati alle imprese, oltre a centri di ricerca e Università. All'interno del Technopôle operano più di 3500 persone.

L'avviamento della rete della Scuola Mediterranea sarà assicurata dai partner accademici e industriali coinvolti e si avvarrà dell'impegno di circa 50 giovani provenienti da Tunisia, Marocco e Giordania formati o in corso di formazione nei programmi della Scuola Superiore ISUFI.

Questo accordo, come dichiarato dal ministro delle Tecnologie della Comunicazione, Montassar Ouaili, si inquadra nell'ambito delle iniziative di partenariato pubblico-privato che la recente legge del governo tunisino intende sostenere per accelerare la convergenza della Tunisia verso l'economia digitale e la società della conoscenza.


In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Isufi con un polo di formazione a Tunisi

LeccePrima è in caricamento