La bancarella della frutta e verdura come centrale di spaccio, tre condanne

Le indagini condotte dai carabinieri, che hanno documentato la cessione di droga. Pene tra i due anni e i sei mesi di reclusione

LECCE – Tre condanne in abbreviato per i pusher coinvolti nello spaccio di droga nel piazzale Rudiae, documentato dalle indagini dei carabinieri dell’aliquota operativa del Norm di Lecce, entrati ina azione a novembre dopo segnalazioni di vari residenti della zona, inquieti e spazientiti per la presenza continua di tossicodipendenti.

Centrale dello spaccio era il banco di frutta e verdura gestito da uno degli imputati, Antonio Rizzato, 51enne leccese, assistito dagli avvocati Luigi Rella e Paolo Cantelmo. Il gup lo ha condannato a 2 anni e quattro mesi e 6mila e 400 euro di multa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pene più lievi per Gianluca Albanese, 45enne di Lequile, assistito dall’avvocato Lorenza Preite, condannato a 2 anni e 2mila e 400 euro di multa; e Cristian Alfarano, 21enne di Tricase ma residente a Lecce, assistito dall’avvocato Tony Indino. Per lui condanna a sei mesi con la sospensione condizionale della pena e della non menzione della condanna. I tre sono stati assolti da alcuni dei capi d’imputazione perché il fatto non sussiste. Il pubblico ministero Emilio Arnesano ha chiesto la condanna a cinque anni per tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento