Cronaca

"La Liama", il chiosco si espande e arrivano i sigilli. Dissequestrato il "Sunrise"

Ancora controlli del Noe di Lecce a Pescoluse e provvedimenti. Più di qualcuno comunque sta comunque rimediando, sanando gli abusi contestati

SALVE – Prosegue senza sosta il controllo dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce sui litorali salentini. E ancora una volta, le attenzione si sono concentrate nelle ultime ore verso Pescoluse, marina di Salve, fra le più frequentate mete estive. Già nei giorni scorsi, il Noe aveva svolto verifiche a tappeto nella stessa zona jonica.

Gli uomini comandati dal maggiore Dario Campanella, hanno effettuato  il controllo questa volta al chioscobar, con lido e noleggio di ombrelloni, “La Liama”. Al termine, si è proceduto al sequestro preventivo d’urgenza di un’area di circa 100 metri quadri di area dove si trova una struttura di legno costituita da travi, pilastri e copertura con incannucciato, adibita a zona ombreggiante per la somministrazione di alimenti e bevande. Sarebbe stata realizzata in assenza di titolo edilizio e paesaggistico, ampliando, di fatto, quella già autorizzata e che, comunque, non preclude il funzionamento dell’attività.

E’ invece stato dissequestrato lo stabilimento “Sunrise”, sempre a Pescoluse, dove sempre il Noe era intervenuto, il 18 maggio scorso con sigilli, ora quindi rimossi, dopo che si è ottemperato alle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria di Lecce. Le verifiche erano tese al ripristino dello stato dei luoghi. L’intera struttura ha riaperto, salvando così la stagione estiva che vedrà l’apertura dei battenti il prossimo fine settimana. A ore dovrebbero essere rimossi  anche i sigilli presso un altro stabilimento della zona, il “Bossanova”. E’ prevista per domani la fine dei lavori per la rimozione degli abusi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Liama", il chiosco si espande e arrivano i sigilli. Dissequestrato il "Sunrise"

LeccePrima è in caricamento