menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La lite per l'eredità degenera, ferita da una coltellata una 53enne

L'episodio è avvenuto questa mattina a Nardò. Ad avere la peggio, nella contesa tra due fratelli, la convivente del più piccolo, ricoverata in prognosi riservata

LECCE – Ha rischiato di trasformarsi in tragedia la lite tra due fratelli di Nardò, di 56 e 54 anni, per motivi di eredità contesa. La discussione è degenerata questa mattina nei pressi di una stazione di servizio in via XXV luglio a Nardò. La dinamica è ancora in corso di accertamento, ma secondo le prime ricostruzioni raccolte dagli agenti di polizia del commissariato di Nardò, a un certo punto uno dei due contendenti ha estratto un coltello. La convivente del 54enne ha cercato di frapporsi tra i due fratelli per separarli ed evitare guai maggiori. E’ stata proprio la donna, una 53enne neretina, però, ad avere la peggio e a rimanere ferita da una coltellata all’addome.

La donna è stata accompagnata presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Nardò, dove i medici hanno riscontrato un taglio all'altezza dell’addome. Successivamente è stata trasportata presso il nosocomio di Galatina, dove si trova ricoverata in prognosi riservata per la ferita da taglio intercostale con interessamento polmonare.

Sono stati gli stessi sanitari ad allertare le forze dell’ordine. Sul posto, poco dopo, è giunta una volante. Gli agenti hanno raccolto le prime testimonianze e avviato le indagini per ricostruire l’accaduto e chiarire ogni aspetto della vicenda. Gli interrogatori dei due fratelli e dei testimoni presenti alla lite sono proseguiti per ore, così come gli accertamenti tecnici. Un'intensa attività investigativa quella condotta dai poliziotti del commissariato di Nardò, guidati dal vice questore Pantaleo Nicolì, che ha portato in serata al fermo del 56enne, Oronzo Vivenzio, per tentato omicidio. Nella notte l'uomo è stato condotto nel carcere di Lecce. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento