La notte dei ladri: due spaccate di fila con l'auto lanciata come ariete

I colpi ai bar del distributore Men8 di Nardò ed Epi di Seclì. Indagano polizia e carabinieri. La banda inseguita per un tratto anche da vigilanti

Nella foto, il bar del distributore Men8 di Nardò.

NARDO’ – Due furti con la tecnica della “spaccata”, a breve distanza l’uno dall’altro. Non solo temporale, ma anche fisica: dalla periferia di Nardò alla provinciale 363 che collega Seclì a Galatone, il passo è stato breve. Segno quasi inequivocabile che ad agire dovrebbero  essere stati gli stessi soggetti. A conti fatti, però, l’impressione è che siano stati ancora una volta superiori i danni fisici provocati alle strutture, rispetto al valore effettivo di quanto racimolato. Ma questo, ovviamente, ai malviventi interessa ben poco. Per loro val bene il detto: pochi, maledettamente e subito. Il costo della distruzione provocata, in fin dei conti, non lo pagano loro.

I colpi al Men8 e all'Epi

Il livello d’attenzione in questo periodo è molto alto a Lecce e in provincia. Le festività portano sempre un picco di furti e rapine, i fatti degli ultimi giorni ne sono la riprova, e quanto accaduto nella notte, a partire dalle 3,30 circa, n’è la definitiva conferma. A essere assaliti sono stati i bar annessi alle aree carburanti Men8 di Nardò, su via Lecce, nei pressi del multisala Pianeta Cinema, e dell’Epi sulla già citata provinciale, in territorio di Seclì.

Video: i danni a Nardò

In entrambi i casi sono state impiegate autovetture, si presume rubate, da usare come ariete. Lanciate in retromarcia per sfondare le vetrine, fare irruzione e arraffare il più possibile nel minor tempo possibile. Un tecnica vecchia e sempre valida, collaudata da decine di bande e che ciclicamente viene riproposta, nonostante molte siano state negli anni le operazioni delle forze dell’ordine che hanno portato anche ottimi risultati.

Inseguiti dai vigilanti

Presso l’area Men8, i primi a intervenire sono stati i vigilanti della Fidelpol. C’è stato anche un tentativo di inseguimento, ma ben presto i ladri sono riusciti a guadagnare terreno e filarsela, complice il buio. Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia di Nardò, con una volante e la scientifica per i rilievi. Sono stati acquisiti i filmati di videosorveglianza. Il furto ha riguardato le stecche di sigarette esposte sugli scaffali. Tuttavia, i ladri non si sono fatti mancare un momento di dolcezza, portando via una confezione di cioccolatini. E non di una marca qualunque, ma Lindt. Regalo per qualcuno? Anche i ladri s’innamorano e hanno famiglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle 4 il secondo furto

L’aspetto particolare, come detto, è che a stretto giro sia stata compiuta anche un’altra spaccata. Alle 4, infatti, è scattato l’antifurto nel bar dell’Epi, dove i ladri hanno però ricavato poco o nulla. I malviventi hanno sottratto giusto il registratore di cassa, portandolo di peso via con sé. Ma dentro non c’era nemmeno un centesimo. Non è stato rubato altro. Forse perché disturbati proprio dall’antifurto e già provati dal primo colpo, hanno deciso di non sfidare ulteriormente la sorte. Su quest’ultimo episodio, stanno indagando i carabinieri della stazione di Aradeo, dipendenti dalla compagnia di Gallipoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento