Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

La protesta della polizia: "Governo inconcludente"

Anche a Lecce i sindacati di polizia Siulp, Sialp-Anfp, Silp per la Cgil, Consap- Italia Sicura, Fsp-Ugl, Coisp,Uilps, hanno manifestato contro la Finanziaria. "Lavoreremo in condizioni proibitive"

La questura di Lecce (foto dall'archivio di LeccePrima)-2

Poliziotti in protesta contro la nuova legge Finanziaria. Una mobilitazione dei sindacati di polizia Siulp, Sialp-Anfp, Silp per la Cgil, Consap- Italia Sicura, Fsp-Ugl, Coisp,Uilps, che ha coinvolto anche Lecce. Gli agenti si sono riuniti questa mattina davanti alla Prefettura per rivendicare i loro diritti e manifestare contro l'operato del Governo in materia di sicurezza. "Nella Finanziaria che sta per essere approvata infatti- scrivono dal sindacato- non è previsto nessun fondo per rinnovare il contratto di lavoro. I poliziotti saranno quindi costretti a lavorare ed a rischiare ogni giorno la propria vita in cambio di uno stipendio sempre più consumato dalle tasse e dall'inflazione".

"Con la stessa Finanziaria - proseguono - viene disposto un taglio del 10 per cento della spesa per il lavoro straordinario, motivo per il quale i poliziotti dovranno lavorare di più, in condizioni sempre più proibitive e senza neanche poter chiedere il pagamento del lavoro fatto. Mancano ad oggi 5700 poliziotti sull'organico previsto che è di 107.000 unità; ed altri 1300 poliziotti andranno in pensione nel 2008 e così nel 2009 e nel 2010. Il Governo fornisce fondi sufficienti per assumere 1300 poliziotti nei prossimi tre anni, e si ritiene anche soddisfatto perché, a suo dire "viene incrementato l'organico delle forze di polizia". Mancano macchine, mezzi e strumenti di lavoro: si fanno servizi delicati e rischiosi con automobili che hanno più di 300.000 chilometri e sono pertanto del tutto inaffidabili. Mancano le risorse necessarie per gli addestramenti e per i corsi di formazione. Mancano le risorse per rinnovare le armi in dotazione e persino per le munizioni. Mancano perfino i soldi per le divise e per le giacche invernali, e gli uffici diventano sempre più fatiscenti perché vengono abbandonati a se stessi".


I poliziotti quindi protestano contro quella che viene definita "la politica inconcludente del ministro dell'interno Giuliano Amato che, a fronte di tante promesse, porta a casa un nulla di fatto con un pacchetto sicurezza che inasprisce in maniera esagerata le sanzioni contro i "graffitari" ed i venditori di borse contraffatte, ben sapendo che mancano i poliziotti ed i mezzi per far si che le leggi vengano rispettate, e che i delinquenti veri (rapinatori, stupratori, ladri e omicidi) vengano arrestati. Adesso c'è davvero il rischio che il livello di sicurezza garantito ai cittadini si abbassi considerevolmente. Per questo - proseguono - sentiamo l'obbligo, come sindacati, pur con differenti idee, di lanciare all'unanimità un grido d'allarme, nella speranza che il senso dello Stato induca ministri e governo a cambiare subito e radicalmente la rotta sulla sicurezza, modificando già al Senato la Finanziaria per il 2008. Altrimenti scenderemo in piazza con una manifestazione di protesta senza precedenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protesta della polizia: "Governo inconcludente"

LeccePrima è in caricamento