La truffa corre sul web, identificati e denunciati in sei. Vittime nel gallipolino

Dal finto tecnico della Sisal agli oggetti acquistati e mai recapitati. Sono tanti i metodi escogitati dai truffatori sul web

LECCE – La truffa corre, ancora una volta, sul web. A incastrare cinque truffatori l’attività investigativa svolta dai poliziotti del commissariato di Gallipoli, che ha permesso di identificare gli autori di diversi raggiri ai danni di residenti nel comprensorio gallipolino.

Per le modalità impiegate, ma anche per l’entità della truffa, il caso più singolare è stato quello denunciato dal titolare di un’edicola-ricevitoria alla quale sono stati spillati, nel giro di pochi minuti, quasi 6mila euro da un finto funzionario Sisal che, presentatosi con lo pseudonimo di “Luca Rossini” e utilizzando adeguato linguaggio tecnico, ha indotto l’edicolante a eseguire quattro bonifici, su carte prepagate intestate a due donne di 60 e 31 anni, entrambi residenti nella provincia di Pistoia, poi denunciate all’autorità giudiziaria per truffa in concorso, con il sedicente funzionario.

Una seconda indagine invece ha permesso di smascherare altri due responsabili di truffa, di 61 e 29 anni, tutti e due residenti nella provincia di Cremona, poiché, attraverso una nota piattaforma di vendite online, avevano promesso la vendita di un attrezzo subacqueo all’ignaro acquirente che, ricevute ampie e convincenti rassicurazioni sulle condizioni e sulla qualità dell’oggetto, ha versato l’importo pattuito di 200 euro su un conto corrente associato a una carta prepagata. Poi, vedendosi recapitare il classico “pacco” con all’interno un oggetto farlocco, ha cercato in tutti i modi di contattare il venditore che nel frattempo si era reso irreperibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel terzo caso, a subire la frode è stato un uomo che, attratto dall’importo di 120 euro per l’acquisto di un attrezzo agricolo, non vedendoselo recapitare, nonostante i contatti con il venditore e il versamento dell’importo convenuto su una carta prepagata, si è rivolto al commissariato Gallipoli per denunciare l’accaduto. L’autore della truffa, un pregiudicato di 21 anni di origini kosovare residente a Genova, è stato scoperto e denunciato per truffa grazie alle indagini che hanno coinvolto, anche gli uffici postali, siti di e-commerce e gestori di telefonia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento