Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Centro / Via Francesco Rubichi

Ladri di notte in un negozio di alimentari e in un parco fotovoltaico

Ancora un furto nel centro storico leccese. Infranta la vetrina. E a Vitigliano i malviventi scappano abbandonando il bottino

LECCE – Ladri in azione nelle ultime notti a Lecce e in provincia. Non solo chiese, come a Racale, o scuole, come successo a Ugento. Anche negozi e campi fotovoltaici finiscono nel mirino di chi punta evidentemente a obiettivi diversi, dai soldi facili, fino al più sofisticato commercio clandestino di pannelli provenienti dalle infrastrutture collocate nelle zone di campagna. Fastidiosi ladruncoli da un lato, dunque, e bande più specializzate dall’altro.  

A Lecce, proprio la notte scorsa, a farne le spese è stato un piccolo negozio di alimentari gestito da commercianti originari dello Sri Lanka. L’aspetto particolare è che si trova nel pieno centro storico, e non in una zona qualunque, ma in via Francesco Rubichi, a due passi da Palazzo Carafa e da altre attività commerciali. Tuttavia, non sembra che qualcuno abbia notato nulla e la scoperta è avvenuta al mattino.

Qualcuno si è introdotto nel negozio di generi alimentari, al civico 17, rompendo la vetrina. Non è chiaro se sia stato portato via qualche prodotto – sembrerebbe di no -, ma di sicuro sono spariti i soldi rimasti in cassa. La cifra è da quantificare. I titolari hanno richiesto l’intervento della polizia.

Altro aspetto di cui tener conto, si tratta del terzo furto notturno in pochi giorni ad attività del centro storico. Nella vicina via Vittorio Emanuele II, per ben due volte qualcuno ha sottratto scarpe e borsette dal negozio “South Salento”. E chi punta a queste attività nel dedalo di vie del borgo antico, deve saper bene come muoversi. Dunque, non è improbabile che gli autori di questi furti siano soggetti che abitano in zona.  

Spostandosi in provincia, un altro caso cela un misterioso epilogo. E’ quello riguardante un parco fotovoltaico. Già, perché qui il furto è stato solo tentato. Non è affatto chiaro il motivo, ma dopo aver “lavorato” per smontare ventuno pannelli, i ladri li hanno poi abbandonati.    

Il caso è stato denunciato nelle ultime ore presso i carabinieri di Poggiardo. Il titolare della ditta System Security Manutenzione, responsabile dell’impianto fotovoltaico di località Acquatenule, nei pressi di Vitigliano, frazione di Santa Cesarea Terme, ha spiegato che qualcuno, in un lasso temporale piuttosto ampio, fra il 23 e il 28 dicembre, si è introdotto nel parco dopo aver tagliato la rete metallica, smontando i pannelli, per poi però abbandonarli sul posto. Qualcosa dovrà aver disturbato i malviventi che hanno quindi desistito.

L’impianto è dotato di un sistema di videosorveglianza e le immagini sono ora  al vaglio dei carabinieri. Nel corso di un sopralluogo, sono state rinvenute anche alcune impronte nel terreno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri di notte in un negozio di alimentari e in un parco fotovoltaico

LeccePrima è in caricamento