Cronaca Litorale / Via Amerigo Vespucci

Ladri e teppisti: derubano gli elettrodomestici del bar e poi mettono fuoco

I malviventi hanno portato via una lavastoglie, le posate, una macchina per produrre ghiaccio e una cucina a gas dal bar "Wind Surf" di San Cataldo, poi hanno bruciato i tendaggi. Il furto e i danni sono stati scoperti domenica. Il locale è chiuso da oltre un anno. Nella marina diversi gli episodi

SAN CATALDO (Lecce) – Fino a diverso tempo addietro era uno dei punti di ritrovo principali di San Cataldo, marina di Lecce. Bar e trattoria di lungomare Amerigo Vespucci, collocata proprio davanti al luogo dove un tempo sorgeva la rotonda, è il primo edificio che incontra chi si dirige verso la serie di piccoli e grandi stabilimenti balneari che volgono nel punto in cui termina il demanio del capoluogo e inizia quello di Vernole.

Ora il “Wind Surf” è chiuso da oltre un anno, ma, sotto le tapparelle di ferro, dentro i locali, c’era ancora tanta merce che i ladri hanno deciso di razziare. Non solo. Forse per sfregio, nella quasi certezza di restare impuniti (d’inverno, specie nelle ore serali, la marina è pressoché deserta) i malviventi che si sono introdotti in un momento imprecisato degli ultimi giorni, hanno anche appiccato le fiamme ai tendaggi. Con il rischio di distruggere tutto.

DSCN3150-2Probabilmente avevano solo accendini e non liquido infiammabile, quindi il rogo è rimasto contenuto e s’è estinto da solo. La scoperta dell’intrusione è avvenuta domenica pomeriggio, quando i proprietari si sono recati sul posto per aprire e fare qualche pulizia.

E’ così che hanno scoperto il furto e il danneggiamento da parte di ignoti, che hanno portato via tutto quello che poteva tornare loro utile: una lavastoglie e le posate, una macchina per produrre ghiaccio e una cucina a gas. Tutto questo è avvenuto in un arco temporale che ricopre gli ultimi quindici giorni, rispetto all’ultima visita all’interno. Sul posto è stato richiesto l’intervento di una volante di polizia.

Impossibile stabilire, ovviamente, quando tutto sia avvenuto. E si tratta di un episodio che pone all’attenzione il problema delle marine leccesi in generale, d’inverno abbandonate al loro destino, con pochi controlli. Qui si aggirano spesso predoni che fanno man bassa in attività commerciali e villette, in diversi casi abitate tutto l’anno e quindi piene di oggetti che fanno gola. Basti pensare che un furto piuttosto consistente è avvenuto proprio a San Cataldo, in via Ischia, il 12 gennaio scorso. Non è impossibile, dunque, che gli stessi individui siano entrati anche nel bar “Wind Surf”.        

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri e teppisti: derubano gli elettrodomestici del bar e poi mettono fuoco

LeccePrima è in caricamento