Ladri nel campo fotovoltaico, fanno saltare i pozzetti di cemento col gas

La tecnica per prelevare i cavi di rame sottostanti. L'intrusione scoperta da una vigilante che ha contattato i carabinieri

Foto di repertorio.

SPECCHIA – Sempre più agguerriti, i ladri di pannelli fotovoltaici. La notte scorsa hanno fatto saltare i pozzetti d’ispezione in cemento di un campo, usando alcune bombolette di gas. Erano a protezione dei cavi di rame sottostanti. E’ stato portato via qualche metro di cavo, e non molto altro. Forse anche perché, i furfanti, disturbati da un vigilante de La Folgore che, passato già poco prima per un sopralluogo e insospettitosi da un dettaglio, ha deciso di fare ritorno poco dopo per un controllo più approfondito. Scoprendo l’effrazione della rete e il danneggiamento seguente. Insomma, troppi passaggi e poco tempo per consumare un furto più grosso.

E’ successo nelle campagne intorno a Specchia, dove, poco prima delle 22 di sera del 14 novembre, un vigilante è stato inviato presso un campo fotovoltaico per un controllo. E, perlustrando il perimetro, a un certo punto ha notato un punto dove la recinzione appariva tagliata e ricucita alla bell’e meglio con filo di ferro. Non c’era altro di strano, ma quel particolare è stato ovviamente riferito alla centrale operativa. Tuttavia, sentito il responsabile del campo, si è appreso che il taglio molto probabilmente era vecchio.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma il vigilante ha nutrito più di qualche scrupolo, tanto che, attorno alle 2 di notte, ripassando in zona per un controllo in un altro campo, ha chiesto autorizzazione per un sopralluogo all’interno di quello già ispezionato dall’esterno. Ed è così che ha scoperto pezzi di cemento frantumati e sparsi. Ha chiesto rinforzo e sul posto è arrivata un’altra pattuglia di vigilanza, assieme ai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Tricase, oltre allo stesso responsabile. I cavi sono risultati recisi in tre file. E il cemento, appunto, sbriciolato usando presumibilmente delle bombolette di gas.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento