Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Corigliano d'Otranto

Ladri nel cash and carry: furto da 2mila euro in monete

E' successo la notte scorsa a Corigliano d'Otranto. I malviventi hanno disattivato il sistema di sorveglianza, facendo razzia delle monete contenute all'interno di sei casse. Indagano i carabinieri

CORIGLIANO - Terza notte di fila particolarmente movimentata, nel Salento. Ancora una volta distinte bande di ladri sono entrate in azione in diversi punti, fra Corigliano d'Otranto e Lecce, con danni notevoli per le vittime, e senza considerare la rapina di una Mercedes che è stata perpetrata a Guagnano (di cui riferiamo a parte). Dunque, una nuova escalation di colpi, più che altro tentati nei giorni scorsi, e riusciti nella notte appena trascorsa. Il più difficile, per modalità, è stato quello messo a segno presso il capannone cash and carry "Bliz" di Corigliano, di proprietà della ditta "Ingross Levante" (che ha sede legale a Molfetta). E che ha fruttato ai malviventi circa 2mila euro. Quasi tutti in monete.

Ad agire, un numero imprecisato di malviventi, giunti sul posto probabilmente con un'auto. Solo supposizioni, dato che il magazzino non è dotato di un sistema di videosorveglianza e questo rende molto difficile poter risalire agli autori. Il capannone sorge lungo la strada statale 16 ed è qui che, intorno all'1,30 di notte, i ladri sono piombati, riuscendo a forzare la porta di sicurezza posta nella parte retrostante, ad oscurare l'impianto d'allarme e a disattivare quello della cassaforte, posizionato proprio all'ingresso. A finire nelle loro tasche, dunque, i soldi contenuti principalmente nelle sei casse. Una vera e propria razzia di monete. E quando i vigilanti sono giunti sul posto, i ladri erano già svaniti nel nulla.

Sul posto, per le indagini, sono giunti i carabinieri della stazione di Corigliano d'Otranto, dipendenti dalla compagnia di Maglie. Il responsabile del magazzino, Rocco Cesari, ha ispezionato le sale, riscontrando come non vi fossero ammanchi di merce. Il danno totale ammonta a circa 3mila euro, parzialmente assicurato.


A Lecce, invece, diverse ore prima (intorno alle 22) ignoti, dopo aver rubato, dall'interno di un deposito di vendita all'ingrosso di piante e fiori di via Manifattura Tabacchi, di proprietà di Giuseppe Orlando, 34enne, uno scooter, due computer portatili e mille e 200 euro circa in contanti, non contenti hanno anche pensato di appiccare pure le fiamme al deposito, poi spente dai vigili del fuoco. Sono andate distrutte piante e fiori che si trovavano all'interno. Il danno è di circa 8mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri nel cash and carry: furto da 2mila euro in monete

LeccePrima è in caricamento