Cronaca Leuca / Via Leuca

La curiosità: ladri in due pasticcerie di via Leuca, ma "golosi" di soldi

L'ultimo furto in ordine cronologico risale a ieri pomeriggio nell'attività "De Leo" della parte leccese della via. Ignoti si sono introdotti all'interno, rubando qualche centinaio di euro. Stessa sorte qualche giorno prima nella "Durante", ma nella zona di Castromediano di Cavallino

LECCE – Ladri golosi? Mica tanto. Nelle pasticcerie ci sono entrati, certo, ma tutto quello che volevano era riempirsi le tasche, più che addolcirsi la bocca. E alla fine sono scappati con circa 800 euro, fra l'una e l'altra. In tempi diversi, ma in modi simili: in entrambi i casi hanno agito nelle ore di chiusura pomeridiana.

Se gli ultimi dati del Censis diffusi a livello nazionale narrano di una microcriminalità in ascesa sul fronte dei furti in appartamento (e proprio ieri, a Lecce, gli agenti delle volanti di polizia ne hanno colto uno sul fatto, in viale della Libertà), quelli sul versante degli esercizi commerciali non sembrano a loro volta diminuire.

Basta a volte anche soltanto una distrazione, come una porta chiusa male – facile, nella routine quotidiana dimenticarsi il fatidici giro di chiave - a far sì che qualcuno ne approfitti per infilarsi in un negozio e portare via il frutto del lavoro di mezza giornata, se non tutta. In molti casi, provocando anche danni alle strutture interne e agli infissi superiori al bottino.

L'aspetto curioso è che nel giro di una settimana siano state derubate, pressappoco alla stessa ora, due attività commerciali simili per tipologia e per giunta della stessa strada, via Leuca, sebbene formalmente separate da un confine territoriale: una è a Lecce, l'altra a Castromediano di Cavallino.  

L'ultimo episodio in ordine cronologico risale a ieri pomeriggio. Intorno alle 17 i proprietari della pasticceria “De Leo” di via Leuca, al civico 196, infatti, rientrando al lavoro, hanno trovato il bancone a soqquadro, con patatine gettate alla rinfusa sul pavimento e i soldi mancanti, per qualche centinaio di euro.

Qualcuno si è infilato all’interno dopo aver chiuso i battenti, intorno alle 14. Sul posto, per un sopralluogo, si sono diretti gli agenti di polizia delle volanti. Può darsi che la serranda fosse stata abbassata senza mandate, d’altro canto, c’è da dire che nei giorni scorsi diversi esercenti di Lecce hanno notato i segni evidenti di tentativi di manomissioni delle saracinesche delle proprie attività, sebbene in orari notturni. Ladruncoli che si aggirano senza meta potrebbero fare tentativi a caso, fin quando la sorte non gli arride.

La vicenda sarebbe quasi marginale, sotto il profilo della cronaca, se non per una singolare coincidenza: qualche giorno addietro stessa sorte è toccata anche alla pasticceria "Durante", di fatto non molto lontana, ma nella porzione cavallinese di via Leuca (civico 48, per la precisione). Anche in quel caso ignoti si sono infilati nel locale, rovistando e sottraendo i soldi trovati. E tutto questo, sempre nell'arco temporale fra la chiusura dopo una mattinata di lavoro e il ritorno alle attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La curiosità: ladri in due pasticcerie di via Leuca, ma "golosi" di soldi

LeccePrima è in caricamento