Cronaca Centro / Corso Vittorio Emanuele

Ladro attempato se la svigna lesto tra la folla con i soldi della libreria

La polizia cerca un soggetto con i capelli bianchi, di 50 anni o forse più. Approfittando di un momento di distrazione, è riuscito a sottrarre diverse banconote dalla cassa di Liberrima. E ce l'ha fatta a scappare in mezzo al corso invaso di passanti. A Galatina furto nella sede dei Servizi sociali

LECCE – E’ il segno dei tempi. Il ladro? Non il classico manigoldo giovane e scattante. Piuttosto, un uomo attempato, sulla cinquantina d’anni o forse più. L’hanno descritto come un soggetto dai capelli bianchi. Un po’ inusuale, come prototipo di manolesta, ma di certo comunque agile. Perché è riuscito a svignarsela con alcune banconote arraffate dalla cassa della libreria “Liberrima” in mezzo alla folla straripante di questa domenica sera post festività natalizie.

Un vero muro umano nel quale è però riuscito a muoversi con tale destrezza, nonostante inseguito per un breve tratto dal personale, da far perdere le tracce. Il fattaccio è avvenuto poco prima delle 18 fra Corte dei Cicala e Corso Vittorio Emanuele. L’uomo contava probabilmente sul suo rassicurante aspetto da bravo zio in cerca di qualche libro per il nipotino. E invece, pare abbia iniziato a gironzolare più nei dintorni della cassa che fra gli scaffali.

Ben presto si sarebbe scoperto che non era in cerca di qualche autore, ma intendeva egli stesso esserlo: di un furto. Così, nel trambusto di quella particolare ora del tardo pomeriggio, con la libreria piena di clienti, ha approfittato di un momento di distrazione di una cassiera per aprire il cassetto del registratore e arraffare le banconote possibili. Un bottino forse non formidabile, ma che comunque è da quantificare con precisione. Scoperto, s’è dato alla fuga a spintoni tra la folla.

E’ stata chiamata la polizia e i primi a raggiungere il posto sono stati alcuni agenti del reparto mobile, in quel momento di stanza in piazza Sant’Oronzo, quindi a poche centinaia di metri, per presidiare una manifestazione del Popolo degli Ulivi sul caso Xylella. In seguito, si sono diretti gli agenti delle volanti della questura. C’è una discreta possibilità che l’uomo possa essere stato immortalato in volto dalle videocamere pubbliche di cui è disseminato il Corso.    

Da un uomo attempato in cerca di soldi, a ignoti che hanno fatto irruzione nella sede dei Servizi sociali di Galatina, in via Montegrappa. La notizia è stata pubblicata sulla testata online Galatina.it. Le indagini sono delegate al commissariato di polizia (che ha confermato l’episodio), diretto dal vicequestore aggiunto Giovanni Bono. Il primo intervento si deve però alla polizia locale, dopo la scoperta, da parte di alcuni volontari della protezione civile. Difficile dire quand’è avvenuto il fatto, giacché il centro è rimasto chiuso fin dal primo pomeriggio del 24 dicembre, mentre la scoperte risale a ieri mattina.

Sembra che prima i malviventi abbiano rotto il lucchetto del cancello e dopo le serrature delle porte per entrare nell’edificio e sottrarre i soldi da due distributori automatici di bevande. Dentro c’erano monete, per un incasso anche in questo caso da quantificare. Non sembra che all’appello manchi altro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladro attempato se la svigna lesto tra la folla con i soldi della libreria

LeccePrima è in caricamento