Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Ladro di rame scoperto in azione fugge a mani vuote

Il tentativo di furto nella notte all'interno della Ecomet. Il malvivente scoperto con il teleallarme e fuggito prima di essere preso dai vigilanti della Sveviapol. Aveva già riempito due sacchi

foto-63

LECCE - Quando è scattato l'allarme, poco dopo l'una di notte, i vigilanti della Sveviapol sono piombati sul posto, alla periferia di Lecce, verso San Cesario, dove sorge la Ecomet, in sei minuti, costringendo un ladro solitario a fuggire.

Il teleallarme, che ha permesso alla centrale operativa dell'istituto di vigilanza di immortalare anche la sagoma di un uomo, è così tornata utile per sventare l'ennesimo furto di rame. Il ladro è entrato all'interno del muro di cinta dell'azienda specializzata nel recupero, lavorazione e avviamento al riciclaggio di materiali ferrosi e metallici, scavalcandolo, con l'intenzione di recuperare "oro rosso" e usando un paio di sacchi.


Sacchi, per inciso, già riempiti e pronti per essere portati via, come scoperto successivamente, durante il sopralluogo, svolto con il responsabile della ditta. Il malvivente è riuscito a fuggire poco prima che arrivasse la pattuglia, sfruttando una scala, appoggiata al muro, e dileguandosi così nelle campagne, ma a mani vuote. Sul posto sono intervenuti anche carabinieri e polizia, per le prime indagini. Le auto della Sveviapol hanno poi piantonato la zona fino all'alba, per evitare tentativi di un ritorno all'azione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladro di rame scoperto in azione fugge a mani vuote

LeccePrima è in caricamento