Cronaca

Lancio di un satellite dal deserto del Gobi. Anche ricercatori salentini nell’esperimento

L’Università del Salento, assieme all’Istituto nazionale di fisica nucleare, partecipano al progetto “Dampe”, uno delle cinque missioni spaziali. Il prossimo 16 dicembre, un razzo metterà in orbita il satellite, del peso complessivo di mille e 900 chilogrammi

Foto di repertorio (@TM News/Infophoto)

LECCE  - Scienziati salentini sulle tracce della materia oscura. Verrà lanciato e messo in orbita dal deserto del Gobi nella notte del 16 dicembre, ora italiana 23,30, il satellite dell’esperimento Dampe  il Dark Matter Particle Explore.

 Presso il Satellite Launch Center di Juquan in Cina, un razzo del tipo Long March 2D metterà infatti in orbita il satellite, del peso complessivo di circa mille e 900 chilogrammi, cuore di uno dei cinque progetti di missione spaziale nel programma di ‘Strategic Pioneer Program on Space Science’ dell’Accademia Cinese delle Scienze.

Si tratta di una missione di fisica delle astro-particelle ideata per misurare, con una maggiore precisione e in un più ampio intervallo di energie rispetto a quanto fatto sinora, le caratteristiche della radiazione cosmica. Vi partecipano anche scienziati dell’Università del Salento e della Sezione di Lecce dell’Istituto nazionale di fisica nucleare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lancio di un satellite dal deserto del Gobi. Anche ricercatori salentini nell’esperimento

LeccePrima è in caricamento