Lascia trolley con rifiuti davanti a postamat, nei guai per procurato allarme

Un uomo di Novoli è stato identificato dai carabinieri della Sezione radiomobile di Lecce. Erano intervenuti gli artificieri

Foto di repertorio.

LECCE – Abbandonare un sacco o, addirittura, una valigia piena di rifiuti e cianfrusaglie è un gesto già di per sé più che censurabile. Non a caso i comuni stanno lottando sempre più e in ogni modo – uso di fototrappole incluso - per fermare l’emorragia di danni ambientali e stanare gli evasi delle tasse sui rifiuti. Ma cercare di sbarazzarsi del vecchio accanto a un luogo sensibile, è un gesto che rischia anche di infondere timori nei cittadini.

Non a caso, la sera del 3 settembre scorso, sono arrivate alcune chiamate ai carabinieri per segnalare un trolley sospetto nei pressi di un postamat, a Lecce. Un oggetto simile richiama inevitabilmente l’attenzione, tanto più se nei pressi di uno sportello con dietro una cassaforte piena di denaro e, in linea generale, davanti a un ufficio di giorno molto frequentato. Così, quella sera sono intervenuti gli artificieri per una verifica e, poi, una bonifica (l’ennesima degli ultimi tempi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

N’è nata anche un’indagine che, grazie ai filmati di videosorveglianza, ha permesso di risalire a C.T., residente a Novoli. L’uomo è stato identificato dai carabinieri della Sezione radiomobil di Lecce gli hanno contestato il reato di procurato allarme.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento