Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Operai in nero in un'azienda: quattro in mobilità da un mese

I finanzieri hanno scoperto cinque metalmeccanici, in una piccola impresa di Melissano, che prestavano la manodopera senza contratto Alcuni erano stati licenziati a dicembre e percepivano un'indennità erogata dall'Inps

MELISSANO - Un'azienda, operante nel settore metalmeccanico, nella zona industriale di Melissano, è incappata nella rete dei controlli dei finanzieri della tenenza di Casarano.

La società si sarebbe avvalsa interamente di forza lavoro illegale. Su cinque dipendenti, quattro erano stati licenziati  nel mese scorso e percepivano un'indennità di mobilità erogata dall'Inps.

L'attività di servizio è stata svolta attraverso un preliminare lavoro di appostamento che ha consentito ai militari di individuare il numero dei dipendenti dell’azienda  e, successivamente, attraverso l’incrocio dei dati acquisiti con quelli dalle dichiarazioni rese dai lavoratori in sede di intervento, di verificare per ognuno di loro le reali mansioni svolte, l’effettivo impiego nell’arco dell’intera giornata e la data di inizio del rapporto lavorativo.

L'insieme delle violazioni constatate in materia di “lavoro nero” sono state inoltrate agli uffici competenti per la disposizione delle  sanzioni amministrative previste dalla legge. L'impiego di manodopera irregolare è, infatti, punito con una multa che oscilla tra i mille e 500 e i 12mila euro per ciascun lavoratore, alla quale si aggiunono 150 euro per ogni giornata di lavoro effettivo, cui si somma una sanzione per l'omesso pagamento di contributi e premi di ciascun dipendente.

L'imprenditore rischia, inoltre, la sospensione dell’attività per aver impiegato personale in maniera irregolare pari o superiore al 20 per cento del totale dei lavoratori presenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operai in nero in un'azienda: quattro in mobilità da un mese

LeccePrima è in caricamento