Lavoro in cambio di denaro millantando conoscenze, condannata a 16 mesi

E' stata condannata a 1 anno e quattro mesi Maria Rosaria Taurino, 45enne leccese, accusata di millantato credito. La sentenza è stata emessa, al termine del giudizio abbreviato, dal gup Giovanni Gallo. L'imputata avrebbe promesso, vantando crediti e conoscenze presso esponenti politici locali

LECCE – E’ stata condannata a 1 anno e quattro mesi Maria Rosaria Taurino, 45enne leccese, accusata di millantato credito. La sentenza è stata emessa, al termine del giudizio abbreviato, dal gup Giovanni Gallo. L’imputata avrebbe promesso, vantando crediti e conoscenze presso esponenti politici locali di rilievo, in particolare Sergio Blasi e Sandro Frisullo, posti di lavoro in cambio di denaro. Le vittime, due donne disoccupate in cerca di occupazione stabile, avrebbero versato cifre tra i 10mila e i 15mila euro per un impiego a tempo indeterminato presso la Asl di Lecce.

La donna è già finita a processo per una vicenda analoga. In questo nuovo caso, curiosamente e singolarmente, le presunte vittime sarebbero proprio le sorelle di quella che sarebbe stata la sua complice: Cosima Chiffi, 53 anni (entrambe furono arrestate e poi scarcerate successivamente nell’ambito dello stesso procedimento, per cui la 53enne ha poi patteggiato).

taurino-2-2-3I legali della Taurino, gli avvocati Davide Pastore e Giuseppe Marasco, hanno evidenziato l’infondatezza delle accuse mosse alla loro cliente. I due penalisti hanno confutato le dichiarazioni delle due sorelle e la loro tesi accusatoria e, con ogni probabilità presenteranno appello.

A dare avvio alle indagini del troncone principale della vicenda, nel dicembre del 2010, fu la denuncia presentata proprio da Sergio Blasi. Il politico salentino avrebbe appreso da un suo collega di partito delle voci messe in giro dalle due donne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In realtà gli unici contatti tra Blasi e le due arrestate avrebbero avuto luogo in occasione della campagna elettorale per le elezioni regionali del 2010, quando l’allora segretario regionale del Pd fece visita proprio all'ospedale di Gagliano del Capo. Le indagini furono condotte dal nucleo di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Lecce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento