Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Le condizioni del Pd per un gesto di "responsabilità"

Ripresa del percorso di stabilizzazione dei 36 lavoratori della Provincia e azione di risanamento strutturale dell'ente: queste alcune delle richieste dei democratici all'esecutivo di Gabellone

Da sinistra, Alfonso Rampino, consigliere provinciale. Salvatore Capone, segretario provinciale e Cosimo Durante, capogruppo Pd a Palazzo dei Celestini.

LECCE - Il gruppo consiliare del Partito democratico, per bocca di Alfonso Rampino, chiarisce i termini che hanno portato a condividere, "per senso di responsabilità", l'aumento dell'aliquota della Rc auto destinata alla Provincia. Una premessa di natura politica e tre condizioni di natura tecnica, la posizione del Pd ruota attorno a questi punti.

Primo, lo stop alla precarizzazione dei lavoratori dell'ente avviati alla stabilizzazione con un delibera del novembre 2008 e rispetto ai quali l'amministrazione di Antonio Gabellone ha fatto decisamente marcia indietro (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=28112) e il taglio delle spese legate allo staff, alle consulenze esterne, agli incarichi su chiamata. I tre nodi tecnici riguardano invece la decisione di questa mattina: l'inasprimento della tassazione deve essere limitato solo al tempo necessario per salvare l'ente dal dissesto, i debiti fuori bilancio devono essere frazionati nell'arco temporale previsto dalla legge, ovvero tre anni, e deve essere avviata una operazione strutturale di risanamento dell'ente.

Questo ultimo passaggio, a sua volta, dovrebbe consistere fondamentalmente nell'alienazione del patrimonio immobiliare attraverso l'adozione del lease back (forma di finanziamento per la quale l'ente vende un bene ad una società di leasing rimanendone l'utilizzatore e potendolo poi riscattare) e attraverso la cartolarizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le condizioni del Pd per un gesto di "responsabilità"

LeccePrima è in caricamento