rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Centro / Piazzetta Girolamo Congedo

Una lite, poi accoltellato al fianco sinistro dal fratello: finisce in terapia intensiva

È successo nella tarda serata di ieri nel rione San Lazzaro di Lecce. Un 55enne è stato rintracciato dalle volanti di polizia e denunciato a piede libero per lesioni personali aggravate e porto di armi od oggetti atti a offendere

LECCE – F.M., un uomo di 55 anni di Lecce, è stato denunciato a piede libero nella notte dopo essere stato identificato quale accoltellatore di M.M., suo fratello, di 47 anni. Il 55enne risponde di lesioni personali aggravate e porto di armi od oggetti atti a offendere.

L’aggressione si è verificata nella tarda serata di ieri in piazzetta Girolamo Congedo, nel rione San Lazzaro, anche se F.M. è stato rintracciato poco dopo nel centro storico, in via Cota, insieme a una donna di 41 anni, mentre si allontanavano in fretta, a piedi. E potrebbe essere proprio una vicenda legata a sentimenti di gelosia ad aver scatenato una lite poi degenerata.

Questo è il quadro al momento in mano agli investigatori della polizia, sulla base di quanto riferito dallo stesso uomo ferito, che è stato soccorso dal personale del 118 ed è stato trasportato in ospedale, a Lecce. E sembra che, rispetto ai primi momenti, le condizioni siano peggiorate, al punto che da questa mattina M.M. si trova nel reparto di terapia intensiva.   

In piazzetta Congedo, dove nell’immediatezza è stato anche ascoltato il dipendente di una pizzeria, il primo a sentire urla e a scoprire il ferito che perdeva sangue a causa di una profonda ferita al fianco sinistro, e nel centro storico, dov’è stato rintracciato il 55enne, sono intervenute diverse volanti di polizia, mentre ora le indagini sono in mano alla squadra mobile.

È stato anche rinvenuto e sequestrato il coltello usato per l’aggressione. Era stato lanciato sotto una pedana. Una volta che F.M. è stato condotto in questura, sentito il pubblico ministero di turno, Alessandro Prontera, è stato indagato in stato di libertà. Di certo, non si tratta di un fulmine a ciel sereno. I diverbi fra i due fratelli, infatti, pare vadano avanti da tempo, tanto che più volte sono dovuti intervenire, di volta in volta, auto della polizia o dei carabinieri per sedarle. Ma questa volta, si è avuto un epilogo molto più cruento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una lite, poi accoltellato al fianco sinistro dal fratello: finisce in terapia intensiva

LeccePrima è in caricamento