Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Via Giuseppe Palmieri

Provoca e aggredisce i passanti, esagitato bloccato davanti al teatro Paisiello

Forte tensione questa sera nel centro storico. Un individuo di 34 anni, per motivi oscuri, ha dato in escandescenza, provocando panico. Avrebbe tentato anche di entrare nel teatro, dove c'erano famiglie e bambini. Bloccato a fatica da polizia e 118

Polizia e ambulanze. Dietro, l'esagitato.

LECCE – C’era una manifestazione teatrale questa sera e il Paisiello era aperto, ma a dare “spettacolo” è stato, all’esterno, un giovane in stato di forte agitazione, condizione psichica alla quale s’è probabilmente aggiunto il fatidico bicchiere di troppo o magari qualche sostanza stupefacente. Di certo, la tensione è stata molto alta, tanto che ad un certo punto sono dovuti intervenire di petto polizia e sanitari del 118, ai quali s’è anche accodata una pattuglia dei carabinieri.

Ben due le volanti della questura che, intorno alle 21,30, si sono fiondate davanti alla bomboniera della città, quel piccolo teatro incastonato fra i palazzi barocchi, noto nel mondo per la sua formidabile acustica.

Ma le voci, oggi, risuonavano soprattutto all’esterno ed erano le urla scomposte di questo individuo, F.F., 34enne, originario di Cosenza ma residente a Lecce, che, a quanto pare, avrebbe manifestato segni di squilibrio ciondolando avanti e indietro per via Palmieri, insultando i passanti, indifferentemente uomini e donne, e cercando persino di fare in più di un’occasione una sorta di “trionfale” ingresso nel teatro, per venire di volta in volta respinto dal personale della sicurezza davanti agli ingressi.

Diverse le persone che hanno allungato il passo, terrorizzate davanti alle provocazioni del giovane, tanto che una ragazza ha dovuto anche chiedere di poter accedere nell’atrio del Paisiello pur di evitare d’incrociarlo.

Alla fine, quando l’agitazione è diventata violenza aperta, e sono partite le telefonate al 113, sul posto si sono diretti prima i poliziotti (uno dei quali ha subito anche un pugno) e poi, su loro richiesta, i sanitari del 118. E’ stato infatti necessario bloccare e sedare il giovane (e non è stata opera semplice), per poi condurlo presso l’ospedale “Vito Fazzi” per un trattamento sanitario obbligatorio. E anche qui avrebbe continuato a dare in escandescenza, prima di essere totalmente calmato.

Questa la sommaria ricostruzione del momento. Nel corso della notte e domattina tutta la vicenda sarà analizzata nel dettaglio, potendo contare peraltro anche sulle telecamere di sicurezza da tempo installate nei pressi della vicina Porta Napoli, oltre che sulle testimonianze delle persone presenti in quel momento, e che non erano poche. Tanto più che l'origine di quest'atteggiamento, semmai vi sia una logica di fondo, non è affatto chiaro.

L’aspetto che più colpisce è che questa sera, a teatro, c’erano famiglie e molti bambini, alcuni dei quali sono rimasti impressionati dalla foga dell’esagitato, sulle cui gesta è calato un pietoso sipario di ambulanze e pattuglie.

Una situazione che ripropone all’attenzione generale, semmai ce ne fosse bisogno, il problema mai realmente risolto del bivacco nel centro storico da parte di singoli individui o piccoli gruppi, slegati dal contesto della “movida”, ma che consumano liberamente alcolici e sostanze stupefacenti in ogni angolo del borgo e che qualche in qualche occasione generano problemi di ordine pubblico.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provoca e aggredisce i passanti, esagitato bloccato davanti al teatro Paisiello

LeccePrima è in caricamento