Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Finto impiegato comunale deruba anziana di pensione e anello d'oro

Mille e 200 euro e il gioiello sono spariti, dopo una collaudata messinscena di un soggetto che si è presentato per la tassa sui rifiuti. Sul caso indaga la polizia

LECCE – Gli appelli a fare attenzione si sprecano, qualche volta si riesce anche a trovarli e fargli pagare il conto delle proprie malefatte, ma ancora, sempre, imperterriti, i truffatori di anziani puntano come cani da caccia, fiutando le piste che li conducono verso le prede più deboli.

E’ successo questa volta a Lecce. Ieri mattina, in via Sozy Carafa, nel rione San Pio. La vittima, una donna di 83 anni. Ci ha rimesso mille e 200 euro e un anello d’oro. La pensione, insomma, e un bene prezioso, anche e soprattutto a livello affettivo. Il che rende la vicenda ancor più odiosa.

La tecnica, una delle solite e anch piuttosto collaudata. Questa volta il malvivente di turno (alto circa 1 metro e 70, capelli castani con taglio corto, aspetto curato) ha indossato le vesti di un fantomatico impiegato comunale.  

Ha bussato alla porta di casa della donna e subito ha recitato la sua parte, studiata magari allo specchio per ore per apparire credibile. “Devo effettuare alcune misurazioni”, ha spiegato. E la sua non è stata certo un’improvvisazione. Aveva con sé anche la cordella metrica. Con quella, ha girato tutte le stanze, poi ha chiesto alla vittima 250 euro come anticipo sulla somma da versare per il pagamento della tassa sui rifiuti. Ha quindi voluto sapere le coordinate bancarie e l'estratto conto dove la donna versa la pensione.

Lei si è allontanata e a quel punto il famelico truffatore è passato all’azione. Ha scovato un portafogli, dove c’era la bella somma di oltre mille euro, ma anche l’anello. E chi s’è visto, s’è visto. Uscito come un fulmine da casa.

Per la verità, proprio mentre l’anziana si stava allontanando per ottemperare alle richieste del sedicente messo del Comune, è stata colta dal dubbio di essere caduta in un tranello. Ma ormai, purtroppo, era già troppo tardi. E non ha potuto fare altro che chiamare la polizia.  

Fatto singolare, proprio in via Sozy Carafa, nel luglio del 2016, s’è consumato un fatto simile. In quella circostanza, un soggetto, seguendo un altro copione, quello del finto incidente con coinvolgimento di parenti della vittima, è riuscito addirittura a portare via 5mila euro a una donna di 86 anni. 

Proprio questo schema dell’incidente, però, è divenuto ormai abbastanza abusato ed è costato anche l’arresto, nelle scorse settimane, a un napoletano in trasferta nel Salento. Il quale è prima stato ammanettato dai carabinieri di Casarano in quel di Parabita, per poi  essere riconosciuto come artefice di una truffa anche da un uomo di Castrignano del Capo, che non ha esitato a segnalare il fatto ai militari della sua zona.

Forse anche per questo, altri imbroglioni ancora in circolazione, hanno deciso di cambiare tattica. E quella del finto impiegato di un ente pubblico, sebbene sia a sua volta una tecnica piuttosto praticata, questa volta è riuscita.

Per capire quanto sia diffuso il fenomeno, basta osservare tutti i link riportati in questa pagina. Alcuni riguardano anche campagne informative rivolte proprio agli anziani. Consigliamo ai figli di farli vedere ai loro genitori, specie se di età avanzata, per metterli in guardia sui  modi d'agire abituali. Prima di ritrovarsi con qualche spiacevole visita in casa, come alla nonnina derubata ieri. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finto impiegato comunale deruba anziana di pensione e anello d'oro

LeccePrima è in caricamento