rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Stadio / Viale della libertà

Aggredito in casa e minacciato con coltello per rapina, due arresti

Vittima, un 74enne. Il fatto avvenuto in viale della Libertà, a Lecce. In breve la polizia ha bloccato una coppia. La donna avrebbe persino aizzato i suoi cani contro gli agenti per evitare la perquisizione

LECCE – Aggredito dentro la propria abitazione, per rapina, e tenuto sotto scacco con un grosso coltello. Ma la fuga della coppia non è durata molto. Anche perché la vittima, un uomo di 74 anni, li conosceva, sebbene solo per nome. E, proprio grazie alle sue precise descrizioni, gli agenti di polizia della Sezione volanti e della Squadra mobile sono riusciti a rintracciare Massimo Calò, 49enne, e la compagna, Fiorina Calcagnile, 34enne, entrambi di Lecce. Accusati di rapina aggravata in concorso, lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale, sentito il pubblico ministero di turno, sono finiti entrambi in carcere.

Sono stati minuti da incubo, quelli vissuti nel primo pomeriggio di ieri per l’uomo. Poco prima delle 14, infatti, come ha raccontato poco dopo ai poliziotti intervenuti, ha sentito suonare alla porta di casa sua, in viale della Libertà. Era la coppia che, come detto, conosceva di vista e per nome di battesimo. Forse proprio per questo non ha avuto sentore di quello che sarebbe accaduto di lì a poco.

Sta di fatto che, aperta la porta, sarebbe stato all’improvviso spinto con violenza. Ne sarebbe scaturita una breve colluttazione, durante la quale Calò gli avrebbe sfilato il portafogli dalla tasca, con dentro 800 euro in banconote, mentre la donna lo avrebbe costantemente minacciato con un coltello, utilizzato anche dopo per garantirsi la fuga.

Il 74enne, rimasto ferito, ai poliziotti ha fornito descrizioni somatiche e fisiche così dettagliate che, in breve hanno intuito chi fossero i due, visto che noti alle forze dell’ordine. In breve, Fiorina Calcagnile è rintracciata in casa, nella zona 167. Ma, appena gli agenti le hanno riferito il motivo di quella “visita”, avrebbe iniziato a inveire, anche per impedire la perquisizione, buttando oggetti per aria e provando per giunta ad aizzare contro di loro i suoi due cani.

Tutto questo, mentre altri poliziotti continuavano a cercare Calò, senza sostanza, rintracciandolo finalmente intorno alle 17 nella zona di piazza Palio. Entrambi sono così finiti in arresto, anche se le perquisizioni non hanno consentito di recuperare la somma che il 74enne sostiene essergli stata sottratta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredito in casa e minacciato con coltello per rapina, due arresti

LeccePrima è in caricamento