Droga nel borgo antico: aprono la porta del b&b e si ritrovano davanti gli agenti

Tre giovani ai domiciliari. Singolare il modo in cui sono stati bloccati. I "nibbio" hanno visto davanti all'ingresso un soggetto noto, che s'è innervosito anche se addosso non aveva nulla. Incuriositi, hanno bussato. E quando hanno aperto la porta, c'erano hashish e marijuana ovunque

LECCE – Tutto è successo per puro caso o giù di lì. Una cosa è certa. I poliziotti non si aspettavano di trovare marijuana e hashish in quella stanza di b&b e gli occupanti non si aspettavano di trovare davanti poliziotti. Infatti, la loro non è stata un’irruzione. Semplicemente, hanno bussato e dall’altra parte hanno aperto la porta.

Forse i tre all'interno aspettavano qualcuno, non avevano certo pensato di "ospitare" per la serata personale della questura. E la scena deve essere stata a suo modo singolare. Dietro alla giovane che aveva spalancato l’uscio, altri due ragazzi seduti a un tavolo con un coltello da cucina, un bilancino e marijuana. A conti fatti, circa 7 grammi.

Altolà. Cosa sta succedendo? E’ bastato guardare un po’ in giro per trovare altra sostanza, in particolare hashish, sparsa un po’ ovunque. Una cinquantina di grammi si trovavano anche in un armadio. E per i tre è scattato l’arresto per detenzione ai fini di spaccio. Ai domiciliari, su disposizione del pm di turno, Emilio Arnesano, sono finiti Alessio Talesco, 18enne di Lecce, Nicoletta Giannandrea, 30enne leccese e Cristian Pasca Ciccarone, 23enne di Sanarica.

La vicenda è nata in modo insolito. Nel pomeriggio i “nibbio”, agenti della sezione volanti in moto, stavano girando nel centro storico quando, all’altezza di un b&b del centro storico, non lontano da Porta Rudiae, hanno visto un giovane che già conoscevano per qualche vecchio guaio. Il fatto è che questi si è allarmato davanti ai poliziotti (che probabilmente nemmeno l'avrebbero fermato), al punto di tentare di allontanarsi in fretta. Proprio quest'atteggiamento li ha messi in guardia, tanto che è stato bloccato per un controllo. Addosso, però, nonostante il malcelato nervosismo, non aveva davvero nulla. 

Sarà che ci si innervosisce a volte anche soltanto vedendo un uomo in divisa, ma gli agenti hanno deciso di capire meglio la situazione e, incuriositi, nella convinzione che quel ragazzo stesse per entrare nel b&b davanti al quale era stato fermato, hanno bussato alla porta. Ad aprire è stata Nicoletta Giannandrea, che deve aver avuto un moto di sorpresa e imbarazzo sul volto, dato che la scena alle sue spalle era inequivocabile. 

Così n’è nato un controllo. Oltre alla modica quantità di marijuana, c’erano anche piccole dosi di hashish per 13 grammi, un altro pezzo più grosso da 50 grammi e, nell’armadio, ancora sostanza. La sensazione, che si stessero preparando più confezioni da rivendere. Sono stati così condotti in questura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nessuno alloggia nel b&b in questione. La 30enne ha spiegato di essere ospite della proprietaria, ignara però di quanto si consumasse all’interno. Per lei e i suoi amici, Talesco e Pasca Ciccarone, è scattato l’arresto. E il primo giovane, quello fermato davanti all’uscio? Nessuna conseguenza. Lui, dice, in quella via era solo di passaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento