Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Non ci fu tentato sequestro di bambini, assolti con formula piena i tre bengalesi

Sono stati assolti, per non aver commesso il fatto, i tre cittadini bengalesi, M.S.M., classe 36 anni, H.M.H, 34enne, e M.N.A., 30 anni, accusati del tentato sequestro di persona di due ragazzini originari della provincia leccese

LECCE – Sono stati assolti, per non aver commesso il fatto, i tre cittadini bengalesi, M.S.M., classe 36 anni, H.M.H, 34enne, e M.N.A., 30 anni, accusati del tentato sequestro di persona di due ragazzini originari della provincia leccese.

I tre cittadini stranieri erano stati arrestati nel tardo pomeriggio del 21 luglio, dai carabinieri della stazione di Melendugno. Una vicenda a dir poco inquietante, quella che i militari dell'Arma avevano ricostruito in poche ore grazie alle testimonianze dirette dei minori, accompagnati in caserma dai loro genitori. Nel corso dell'incidente probatorio, però solo una delle due presunte vittime ha riconosciuto uno dei rapitori. L’atro, invece, non ha riconosciuto nessuno. In precedenza i due bimbi avevano riconosciuto, attraverso delle foto, i loro aggressori.

I tre, due residenti nel capoluogo partenopeo ed uno senza fissa dimora, aecondo l'accusa avrebbero organizzato una vera e propria trasferta nelle marine di Melendugno, a San Foca, con l'obiettivo di sottrarre uno o più minori all'affetto dei propri cari, per poi svanire nel nulla.

Il primo episodio risalirebbe allo scorso 19 luglio, quando un bambino, di appena 12 anni, è stato avvicinato da tre uomini a bordo di un furgone, un Fiat Scudo di colore grigio. Questi l'hanno avvicinato con modi gentili, proponendogli un passaggio sino a casa. Il piccolo, impaurito, ha rifiutato l'invito ma, senza perdersi d'animo e con grande coraggio, prima di dirigersi verso casa, ha diligentemente annotato sul proprio telefono cellulare il modello ed il numero di targa del furgone, che ha poi mostrato al proprio genitore. Il secondo episodio risale al giorno successivo. Stavolta l'obiettivo era una bambina di 11 anni, avvicinata con le stesse modalità: i tre avrebbero insistito anche di più, provando a fermare la bici della ragazzina e, dopo la sua rapida fuga, seguendola sin sotto casa, per poi dileguarsi. Una tesi non condivisa dal gup Giovanni Gallo, che ha assolto i tre imputati con formula piena.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non ci fu tentato sequestro di bambini, assolti con formula piena i tre bengalesi

LeccePrima è in caricamento