Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Disposta autopsia per gemellino morto. Cinque sono gli indagati

Sarà eseguita venerdì, dal medico legale Roberto vaglio, l'autopsia sul corpo di uno dei due gemellini venuto alla luce già privo di vita nel reparto di Ostetricia dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. Sarà l'esame autoptico a stabilire cause e modalità del decesso. Cinque i medici del "Fazzi" iscritti nel registro degli indagati per omicidio colposo

LECCE – Sarà eseguita venerdì, dal medico legale Roberto vaglio, l’autopsia sul corpo di uno dei due gemellini venuto alla luce già privo di vita nel reparto di Ostetricia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Sarà l’esame autoptico a stabilire cause e modalità del decesso.

Sono cinque i medici del “Fazzi” iscritti nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. L’iscrizione è, comunque, un atto dovuto, anche e soprattutto in vista dell’esame autoptico. Gli indagati, infatti, potrebbero nominare un consulente da affiancare a quello designato dalla Procura.

Secondo quanto emerso in via preliminare gli esami prenatali e il quadro clinico del bimbo non avrebbero mai evidenziato alcun problema. I genitori dei gemellini, superato lo choc, hanno deciso pertanto di recarsi presso il posto fisso di polizia del nosocomio salentino e presentare una denuncia in cui chiedono che sia fatta chiarezza sul decesso.

L’esposto è giunto sulla scrivania del magistrato di turno, il sostituto procuratore Francesca Miglietta, che ha disposto alla polizia giudiziaria una serie di accertamenti mirati a far luce sulla vicenda, tra cui l’identificazione del personale medico che ha avuto in cura e seguito la gravidanza della donna, il sequestro della cartella clinica e di tutta la documentazione riguardante il bimbo.

Gli inquirenti vogliono vederci chiaro e stabilire con assoluta certezza che la morte del neonato non sia riconducibile a negligenza o errore umano ma solo a cause naturali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disposta autopsia per gemellino morto. Cinque sono gli indagati

LeccePrima è in caricamento