Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca

"Lecce Città Universitaria non solo slogan elettorale"

Dopo le candidature ufficiose degli aspiranti alla carica di Rettore dell'Università del Salento, ecco cosa si aspetta l'associazione studentesca "La sveglia" dalla nuova gestione

Dopo le candidature ufficiose degli aspiranti alla carica di Rettore dell'Università del Salento, Marcello Strazzeri, Alfredo Castellano e Domenico Laforgia, la "Libera associazione studentesca La sveglia", scende in campo e attraverso un comunicato fa sapere cosa gli studenti si aspettano dal nuovo rettore.

"Le vicende che hanno portato alle dimissioni dell' ex Rettore Oronzo Limone hanno destabilizzato l'intero ambiente universitario, ma non spetta a noi valutare ciò che è stato, perché per quello ci sono gli organi preposti. La nostra associazione - scrivono - intende partecipare attivamente alla programmazione futura del nostro Ateneo e a ridosso della presentazione ufficiale delle candidature abbiamo ascoltato molto attentamente tanti proclami e belle promesse ma ora avvertiamo l'esigenza di farci sentire, delineando il profilo del nostro "Rettore ideale".

E per entrare nell'argomento citano: "Il Rettore è la persona preposta alla sovrintendenza di un'intera università, nonché la più alta autorità accademica, il cui fine è quello di promuovere l'ateneo'. Una figura istituzionale che difenda gli interessi del nostro Ateneo con le unghie e i denti. Chiediamo pertanto un Rettore che ami il nostro territorio e punti alla sua valorizzazione attraverso una formazione e una ricerca di eccellenza e che faccia riacquistare un valore al titolo universitario che, con tanti sacrifici, cerchiamo di ottenere, e che ha subito un danno notevole dai recenti scandali".

"Esigiamo una gestione trasparente e partecipativa - continuano - che veda gli studenti protagonisti della nuova amministrazione. Esigiamo un miglioramento della Didattica, attraverso un'analisi attenta delle indicazioni degli studenti presenti nei risultati delle analisi svolte dal Nucleo di Valutazione dell'Ateneo. Riteniamo inoltre che sia indispensabile creare una più solida rete istituzionale, che sappia collaborare ed interagire con gli studenti; vorremmo che si avviasse una realtà presente in altri Atenei, attraverso una collaborazione attiva degli studenti, che li renda partecipi nella gestione dei servizi, senza consegnarli nella mani di società esterne all'ambiente universitario".

"E' paradossale vedere come nell'ultima gestione ci sia stato un aumento delle spese a cui non è corrisposto un aumento dei servizi erogati, ma solo un aumento delle consulenze esterne e annessi sprechi. Ed è stata proprio questa ragione a portare La Sveglia a votare contrario all'approvazione del bilancio di previsione 2007, in quanto a fronte di un aumento di entrate derivanti dalla contribuzione studentesca, non vi era un minimo miglioramento dei servizi per gli studenti".

Le richieste da parte degli studenti non si fermano qui: "Chiediamo che il prossimo Rettore razionalizzi le spese dell'università partendo da una riorganizzazione dell'offerta formativa e della struttura amministrativa, e non facendo "cassa" aumentando le tasse degli studenti. La nuova Amministrazione, a nostro parere, dovrebbe eliminare la tendenza a dislocare ogni Facoltà in più sedi universitarie, cercando di assegnare a ciascuna di esse un unico plesso al fine di semplificare la vita degli studenti e non creare inutili confusioni; provvedere, inoltre, - afferma gli studenti dell'associazione La Sveglia - all'immediata messa a norma di tutti gli edifici, vedi Parlangeli, che versano ancora in una condizione di degrado e che difficilmente supererebbero un qualunque test di agibilità e di sicurezza. Vogliamo che ogni singolo studente abbia la possibilità di accedere liberamente ad internet, incrementando le postazioni site nei vari plessi e dando la possibilità a chi possiede un portatile di connettersi tramite linea wireless, direttamente dalla propria aula".

E poi, "un numero maggiore di aule studio e una migliore organizzazione della Biblioteca Interfacoltà, seguendo i modelli di tante università straniere. Pretendiamo più risorse per tutti gli studenti meritevoli e privi di mezzi che, nonostante ne abbiano diritto, non possono usufruire di una borsa di studio per carenza fondi. Pretendiamo un numero maggiore di Borse di Studio per gli studenti meritevoli e privi di mezzi. Chiediamo al nuovo Rettore di essere al nostro fianco nelle battaglie per l'aumento del numero di posti alloggio pubblici, per il miglioramento del servizio di trasporto pubblico, per l'aumento del numero di parcheggi gratuiti, e tutte le altre battaglie per non far divenire "Lecce Città Universitaria" solo uno slogan elettorale. Chiediamo dunque che nella prossima gestione si possa auspicare ad una stabilità e ad un dialogo con noi studenti per favorire un migliore andamento della nostra Università, che speriamo stia a cuore al nuovo Magnifico come lo sta a noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lecce Città Universitaria non solo slogan elettorale"

LeccePrima è in caricamento