Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca Via Ascanio Grandi

Hashish e marijuana per spaccio nel centro storico: un anno e quattro mesi

Gli effetti della pronuncia della Corte costituzionale che ha eliminato l’equiparazione tra droghe pesanti e leggere abrogando la legge Fini-Giovanardi, iniziano a essere evidenti. Per un giovane leccese arrestato in estate con la vecchia legge le pena avrebbe rischiato di essere più pesnte

LECCE – Gli effetti della recente pronuncia della Corte Costituzionale (divenuta ormai legge dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale) che ha, di fatto, eliminato l’equiparazione tra droghe pesanti e leggere abrogando la legge Fini-Giovanardi, iniziano a essere evidenti nelle sentenze che ogni giorno i giudici pronunciano nelle aule di un tribunale.

E’ che il caso di Massimo Trofo, arrestato ad agosto scorso perché trovato in possesso di 178.6 di marijuana, suddivisa in 68 dosi, e 109 grammi di hascisc in 63 dosi pronte per essere vendute.

Fino a qualche giorno fa, infatti, con la legge Fini-Giovanardi ancora in vigore, avrebbe rischiato una pena dai 6 ai 20 anni. Ma con l'abrogazione di quella norma (la sentenza della Corte costituzionale che ne ha dichiarato l’incostituzionalità risale allo scorso 25 febbraio) la pena è di molto inferiore: da un minimo di 2 a un massimo di 6 anni.

Il 26enne, infatti, assistito dall’avvocato Angelo Benedetto, è stato condannato a un anno e quattro mesi di reclusione più 4mila euro di multa. La sentenza è stata emessa dal gup Cinzia Vergine al termine del giudizio con rito abbreviato (che prevede uno sconto di un terzo della pena).

In una calda sera d’estate la polizia attendeva Trofo in via Ascanio Grandi, nel cuore della città vecchia, nei pressi di un pub, mentre a quell’ora il centro storico si andava popolando di turisti. Due agenti si erano posizionati ad un cinquantina di metri  dal locale, mentre altri due si erano nascosti all’incrocio tra via Ascanio Grandi e via dei Perroni.

TROFO Massimiliano-3-2-2Dopo alcune ore di appostamento, intorno alle 21.30, gli agenti notarono un gruppo di giovani, alcuni dei quali di colore e poi un giovane che, a bordo di uno scooter, provenendo da via dei Verardi, si infilava in una piccola corte (dei Balduni), situata a circa una decina di metri dal pub. Ad attenderlo nella corte, un ragazzo di colore, che lo aspettava da quale minuto.

A quel punto, due agenti bloccarono il 26enne mentre era ancora intento a parcheggiare lo scooter. La perquisizione personale consentì di rinvenire addosso al ragazzo due bustine di cellophane contenenti marijuana, mente nello scooter i poliziotti trovarono due grossi involucri contenenti rispettivamente 68 dosi di “erba” per un peso complessivo lordo di 178.6 grammi e 63 dosi di hashish: 109 grammi in totale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hashish e marijuana per spaccio nel centro storico: un anno e quattro mesi

LeccePrima è in caricamento