Mattinata infernale, scoppiano le fiamme in tre case. Un ferito lieve

Interventi a getto continuo dei vigili del fuoco fra Lecce, in via Trieste e via Buonarroti, e Copertino, in via Tasso. Nel computo anche un'auto incendiata nella notte a Sannicola. Un uomo scottato a una mano per fermare il rogo

LECCE – Ci sono giorni in cui di mezzo sembra mettersi uno strano destino. E la mattinata di oggi sarà ricordata per gli incendi nelle abitazioni. Ben tre quelli avvenuti fra Lecce e Copertino, che hanno obbligato i vigili del fuoco a una serie di interventi talmente ravvicinati nel tempo – i fatti si sono susseguiti a catena – da restare a corto di personale quando si è trattato, sempre nel capoluogo, di mettere in sicurezza alcuni alberi dai rami pericolanti vicino alla Villa comunale, dovendo così chiedere rinforzo al distaccamento di Veglie (ne riferiamo a parte).

Insomma, la centrale operativa di viale Giuseppe Grassi è stata subissata di richieste d’intervento per casi che, almeno in origine, sembravano anche più gravi. Uno in particolare, il primo, da via Trieste, nel rione San Pio, ha destato preoccupazione, perché, il rogo – con tanto di piccola deflagrazione -, è stato innescato da una bombola montata in una stufa a gas.  Il proprietario di casa, spaventato, è subito uscito. Il fumo e il trambusto hanno attirato, ovviamente, anche i vicini, uno dei quali, coraggiosamente, è entrato nell’abitazione e, nel tentativo di spegnere il rogo prima che provocasse ulteriori danni, è rimasto leggermente scottato a una mano.

Sul posto sono poi arrivati i vigili del fuoco – che nel frattempo erano stati avvisati -, ma anche gli operatori del 118, che hanno medicato il malcapitato sul posto. Per fortuna, nulla di più di un edema. Ma gli interventi, come detto, non si sono esauriti lì. Poco dopo è arrivata un’altra richiesta, sempre da Lecce, per un altro rogo in un’abitazione, questa volta in via Michelangelo Buonarroti, nel quartiere Leuca. Qui, per cause in fase d’accertamento, le fiamme hanno attecchito sul alcuni materassi, incenerendoli. I vigili del fuoco sono entrati nella casa, invasa dal fumo, e hanno spento il fuoco prima che si facesse ulteriormente largo.

Nessun ferito, per fortuna, in questa circostanza, ma, intanto da Copertino è arrivata quasi nello stesso tempo una terza richiesta, per un incendio in via Torquato Tasso, su chiamata di alcuni residenti che si sono accorti del fumo fuoriuscire da un immobile al pian terreno. Qui si temeva che in casa vi fosse il proprietario e per questo motivo è stata richiesta anche un’ambulanza. L’uomo, invece, si è poi scoperto, era uscito e ancora non era al corrente di nulla. Le fiamme, in questo caso, hanno colpito un divano, e il motivo scatenante sarebbe in una stufetta elettrica lasciata accesa. Sempre indossando i respiratori, i vigili si sono fatti largo all’interno, fra una coltre di fumo, riuscendo a domare le fiamme, per poi avviare gli accertamenti. Sul posto, anche i carabinieri della tenenza locale.

Che si tratti di cortocircuiti derivanti da impianti difettosi, sigarette spente male (è ciò che si sospetta in via Buonarroti), bombole o altro, una cosa è certa: molto spesso incendi nelle abitazioni, scaturiti da episodi banali e con conseguenze imprevedibili, anche letali, potrebbero essere evitati semplicemente con maggiore accortezza e prevenzione. Un monito, questo, che arriva dagli stessi vigili del fuoco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro incendio, infine – ma qui si è in un’altra casistica – è divampato anche nella notte appena trascorsa a Sannicola, riguardando un’autovettura. Si tratta di un Fiat oblò, di proprietà di un pensionato, che si trovava parcheggiata nei pressi di casa, in via delle Gardenie. Sul posto, i vigili dl fuoco del distaccamento di Gallipoli e i carabinieri della stazione locale. Al momento, non è ancora chiaro se l’evento sia stato doloso o accidentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento