Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca Rudiae / Viale Giuseppe Grassi

Rubano al market e durante la fuga in auto rischiano d'investire commessa

Tre donne, tra cui una 19enne, tutte di Brindisi, dovranno rispondere di rapina impropria e per questo sono state denunciate ieri dalla polizia. Avevano rubato generi alimentari dalla Dico di via De Castris, traversa di viale Grassi

Il supermarket "Dico" di via De Castris a Lecce

LECCE – Rischiano di investire la commessa, durante la fuga, dopo essere state sorprese a rubare nel supermercato “Dico”, in via De Castris, una traversa di viale Grassi, una nuova zona della città in espansione.  E’ stata proprio la dipendente del punto di vendita a notare nella tarda mattinata di ieri, tre donne aggirarsi tra gli scaffali come fossero normali clienti, mentre in realtà erano lì per rubare. Salumi, per esempio, che invece di depositarli nel carrello della spesa li hanno infilati direttamente nelle loro borse.  Poi, giunte vicino la cassa, una di loro si è preoccupata di pagare solo una bottiglia d’acqua, mentre le altre sono uscite dal market indisturbate. 

Ed è a quel punto che la commessa del “Dico”, notata la scena, ha pensato di inseguire le tre donne fino alla loro auto, una Renault Twingo, che poco prima della rapina impropria, perché di questo dovranno rispondere M. A. 38 anni, A. C., 33enne e M.A. 19 anni, tutte e tre di Brindisi, avevano parcheggiato nei paragi. Ed erano ormai a bordo dell'auto quando la donna alla guida, inserita la retromarcia, con la commessa a pochi passi da loro, per fuggire avrebbe urtato la vittima con lo sportello ancora aperto. Fortunatamente la prontezza di riflessi della dipendente del supermarket ha evitato il peggio, dato che la donna  ha fatto per tempo un balzo indietro, evitando così di essere investita.

A bloccare le tre donne in fuga con i salami (valore 44 euro), gli agenti delle volanti, intervenutoi nella zona dopo la richiesta di intervento al 113.  E proprio lungo viale Grassi la Twingo è stata fermata dalla polizia. Durante  perqusizione dell’auto, gli agenti hanno trovato una borsa nascosta sotto il sedile del lato conducente, Dentro vi era diversi prodotti alimentari integre, nonché diversi capi di abbigliamento nuovi e con etichetta “Oviesse” e “Piazza Italia ”. In nessuna delle buste c’era traccia di scontrini convalidanti l’acquisto. Ed è saltata fuori anche  una tronchese , questa volta nella borsa di una delle tre ragazze. Durante la perquisizione A.C.,  avrebbe cercato di disfarsi di due pezzettini hashish ma, considerata la modica quantità e la circostanza, la donna ha dichiarato alla polizia di farne uso personale. A quel punto gli agenti hanno proceduto ad una segnalazione amministrativa nei suoi confronti.

Ma i guai per loro non sono finiti qui. Da un controllo più accurato dell’autovettura, è emersoche il certificato di assicurazione esibito era falso. Questa volta, nei confronti di M.A, la donna che era alla guida, gli agenti di polizia hanno proceduto col sequestro amministrativo  dell’autovettura ed al ritiro della patente , nonché alla denuncia in stato di libertà per “ uso di atto falso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano al market e durante la fuga in auto rischiano d'investire commessa

LeccePrima è in caricamento