menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A spasso in centro con pistola a gas, nei guai per procurato allarme

Fermato a Lecce un 50enne gallipolino. Più persone l'hanno notato con l'arma in vista. Di libera vendita, ma comunque denunciato

LECCE – L’arma è di libera vendita, una semiautomatica a gas compresso, ma, come per tutte le cose, bisogna sempre avere buon senso. Quello che è mancato a un 50enne di Gallipoli, soggetto noto alle forze dell’ordine, fermato ieri pomeriggio a Lecce, in in via Trinchese. A notarlo è stato un agente libero dal servizio. Passeggiando, ha notato nel punto ristoro per snack e bevande, aperto 24 ore su 24, un uomo con addosso una pistola. Pare che avesse l’arma bene in vista.

Arrivata una volante in ausilio, si è deciso di tenerlo sotto controllo, entrando prima in un esercizio commerciale di fronte al punto ristoro e poi, da lì, intervenendo con tutte le cautele del caso, procedendo a disarmare l’uomo che, nel frattempo, aveva infilato l’arma nella cintura dei pantaloni. Una volta identificato, si è accertato che l’arma in questione era una pistola di libera vendita, una Norica modello Nac 1702, calibro 4,5, compresa di caricatore da ventuno colpi, con funzionamento ad aria compressa.

I poliziotti hanno acquisito testimonianze di alcuni cittadini che, a loro volta, avevano notato poco prima la presenza del soggetto armato lungo via Trinchese. Al termine degli accertamenti, l’uomo è stato denunciato per procurato allarme. Insomma, la passeggiata a mano armata gli è costata un po' cara. Le armi ad aria compressa con potenza inferiore a 7,5 joule, infatti, non devono essere autorizzate dalle autorità, ma questo non significa che si possano portare in giro senza un motivo giustificabile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento