Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

L'incubo dei condomini, incastrato l'autore seriale dei furti nei box auto

Valerio Bongiorno, 46enne di Lecce, è stato raggiunto da un'ordinanza di misura cautelare direttamente in carcere, dove sta scontando pene per altri reati. Fra marzo e maggio ha saccheggiato decine di garage del capoluogo

LECCE – Come gli incubi evaporano all’alba, all’improvviso, dopo il 23 maggio, anche le sue imprese si erano bloccate in modo brusco. Svanito nel nulla? No. Semplicemente, da quel giorno era finito in carcere per espiare la pena per altri reati. E così, erano terminati anche i furti seriali nei box auto di Lecce. E, ora proprio nella casa circondariale di Borgo San Nicola, gli è stata notificata ieri pomeriggio un’ordinanza di applicazione della misura cautelare. Per gli investigatori della squadra mobile non ci sono dubbi: dietro a decine e decine di furti, c’erano sempre e solo le mani di una singola persona, quelle di Valerio Bongiorno, 46enne di Lecce.

Innumerevoli sono stati le effrazioni, fra marzo e maggio, fino a pochi giorni prima che fosse carcerato per precedenti vicende, ai danni di box di condomini del capoluogo e sempre con le stesse modalità: foratura e forzatura delle porte basculanti, una sorta di “marchio di fabbrica e timbro della sua azione predatoria”. Con l’aggravante di aver usato violenza sulle cose, impossessandosi di qualunque oggetto potesse evidentemente tornare utile o essere ricettato: attrezzi da lavoro e per il bricolage, trapani, smerigliatrici, monopattini elettrici, cavetteria e strumenti musicali. Tutto questo, per giunta durante mentre era già sottoposto all’affidamento in prova.

Video | Immortalato in azione

A Valerio Bongiorno - delle cui "imprese" LeccePrima si era occupata in esclusiva -, gli investigatori hanno attribuito i seguenti episodi, riusciti o anche solo provati e falliti: tentato furto all'interno dei box di un condominio di via Giammatteo (16 marzo); tentato furto nei box di pertinenza di un condominio di via Dante De Blasi (30 marzo); furti riusciti e tentato furto all'interno dei box di un condominio di via Balsamo (24 aprile); furto nei box di un condominio di via Cuoco (1° maggio); furti e tentato furto nei box di pertinenza di un condominio di via Siponto (19 maggio); tentati furti nei box di un condominio di via Potenza (20 maggio). A questi episodi, si aggiunge anche un’accusa di ricettazione per un ciclomotore Piaggio Liberty, risultato rubato il 9 aprile.

Le indagini sono state avviate dalla squadra mobile nel marzo scorso, proprio in seguito alla recrudescenza di reati predatori in diversi quartieri del capoluogo. Tutto documentato tramite risultanze investigative, comparazione delle dichiarazioni rese dalle vittime, analisi di fotografie e video registrati ed estrapolati dalle telecamere di sorveglianza, oltre a servizi di osservazione e pedinamento. E non è nemmeno da escludere che possa essersi reso autore di altri episodi simili, ma per i quali non è stato possibile raccogliere prove inequivocabili. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'incubo dei condomini, incastrato l'autore seriale dei furti nei box auto

LeccePrima è in caricamento