Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Litorale / Via Betti Ugo

Furti da 80mila euro: rubati cassaforte da residence e giocattoli da deposito

A Torre Rinalda i malviventi hanno rubato contanti per 30mila euro, carte di credito e assegni. Nessun segno d'effrazione sulla porta dell'ufficio. Il forziere è stato sradicato. Alla periferia di Lecce, sottratta merce in plastica per 50mila euro. Indaga la polizia

Via Ugo Betti.

LECCE – I ladri hanno alzato il tiro, ultimamente, e sembrano farsi sempre più audaci nei colpi. Se nel corso dell’inverno hanno spopolato i piccoli furti “mordi e fuggi” negli appartamenti, l’estate sembra invece segnata da un serie di violazioni di un certo livello. Armi, carte d’identità, quadri e, ovviamente, soldi e merce sempre più nel mirino di bande specializzate. E proprio soldi e merce spariti dalla circolazone (nello specifico, giocattoli, questa volta) sono al centro di indagini della questura di Lecce.

Nel primo caso, la scoperta è avvenuta questa mattina a Torre Rinalda, marina di Lecce, nell’omonimo residence. E’ stata la direttrice a richiedere l’intervento della polizia, quando ha scoperto nell’ufficio un vistoso foro laddove, fino alle sera prima, si trovava la cassaforte.

Il primo intervento è stato delle volanti, il successivo della squadra mobile che ha preso in mano le indagini. L’aspetto balzato subito agli occhi è che non si sono rilevati segni d’effrazione sulla porta. Quindi, in ufficio i ladri sono entrati usando probabilmente chiavi universali. Per portare via il cassiere, però, hanno dovuto lavorare di scalpello. Una volta divelto, sono fuggiti senza lasciare ulteriori tracce.

Dentro, stando a quanto denunciato, c’erano circa 30mila euro in contanti, ma anche carte di credito (subito bloccate) e, per finire, diversi assegni lasciati dai clienti. Tutto volatilizzato.

Come non bastasse questo, nel pomeriggio è toccato a un imprenditore scoprire, alla periferia di Lecce, che il suo deposito nel quale custodiva principalmente giocattoli di plastica destinati agli esercizi commerciali, era stato svuotato di sana pianta da ignoti che hanno agito in un momento imprecisato, ma, si può immaginare, nella notte o non più tardi dell'alba.

Il capannone si trova in via Ugo Betti, una traversa di via Adriatica, in una zona piuttosto solitaria e decentrata, quasi nei pressi del centro sportivo Out Line. I ladri hanno solo dovuto forzare il lucchetto. Una volta dentro, hanno caricato probabilmente la merce all’interno di qualche camion e sono fuggiti. Valore dichiarato della refurtiva, circa 50mila euro. Il danno non è coperto d’assicurazione. E le videocamere di sorveglianza non torneranno utili alle indagini, perché sono in avaria da diverso tempo e ancora in attesa di essere riparate. Anchei in questo caso, indaga la polizia.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti da 80mila euro: rubati cassaforte da residence e giocattoli da deposito

LeccePrima è in caricamento