Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Gli operai vanno nel cantiere e non trovano più quaranta lastre di guard-rail

Il furto è avvenuto di notte sulla statale per Taranto, a circa un paio di chilometri da Lecce. Le barre erano state accatastate, in attesa di essere montate. La scoperta solo all'alba. I ladri hanno probabilmente usato un paio di furgoni. Sul caso indaga la questura

LECCE – Per portare via tutte quelle lastre di guard-rail, singoli pezzi della lunghezza di 4 metri ciascuno, i ladri hanno dovuto necessariamente fare uso di qualche mezzo. Difficile stabilire quanti fossero e che tipo di mezzi abbiano usato (almeno uno, forse due furgoni), ma è ovvio che la banda fosse molto ben attrezzata. Tanto da essere in grado di caricare nella notte e trasportare chissà dove ben quaranta barriere di ferro, senza evidentemente destare particolari sospetti. Eppure, è difficile credere che non siano transitati automobilisti in zona, qualunque sia stato l’orario in cui hanno agito.

Tant’è, per ora i ladri sono riusciti a farla franca e adesso sono gli uomini della questura a indagare. Il furto è avvenuto in un cantiere dell’Anas sulla statale per Taranto, a circa un paio di chilometri da Lecce. Ingente il valore della merce sottratta, per decine di migliaia di euro.

In quel tratto della strada, è in atto un lavoro di rifacimento e messa in sicurezza che prevede, oltre all’asfalto, ovviamente anche la posa delle barre di protezione. Queste erano accatastate all’interno del cantiere, prossime a essere montate. Purtroppo, però, ieri mattina, intorno alle 6, quando gli operai si sono recati sul posto per iniziare una nuova giornata di lavoro, si sono subito accorti che la collinetta di barre posate una sull’altra era svanita nel nulla.

IMG00726-20130926-1104-2In quel cantiere sembra che non sia neanche la prima volta che avvengono furti. Nei giorni scorsi sarebbe sparito anche del gasolio. Insomma, non c’è pace, ma d’altro canto, questo tipo di saccheggi è all’ordine del giorno. Non si contano, in Italia, i casi analoghi e diversi sono stati nel tempo gli arresti di persone sorprese nel vivo, a smontare letteralmente guard-rail già installati.

In questo caso, però, l’opera è chiaramente stata semplificata dal fatto che le barre fossero semplicemente appoggiate sul manto. Per quanto riguarda l’utilità, poi, è presto detto: i predoni riescono a ricavare circa 5 euro al chilo per l'oro rosso e tra i 10 e i 20 centesimi al chilo per il ferro, rivendendo il materiale in centri specializzati.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli operai vanno nel cantiere e non trovano più quaranta lastre di guard-rail

LeccePrima è in caricamento