Ico Tito Schipa, inchiesta su compensi, indagati Gabellone e Manni

Per l’accusa, l’ex presidente della Provincia e presidente della fondazione avrebbe percepito somme non dovute per complessivi 48mila euro senza che il direttore amministrativo glielo impedisse

LECCE - Abuso d'ufficio è l’accusa mossa dall’inchiesta nei riguardi dell'ex presidente della Provincia, Antonio Gabellone, 60 anni, di Tuglie, e Grazia Manni, 50, di Lecce, rispettivamente nelle vesti di presidente e direttore amministrativo della Fondazione Ico Tito Schipa di Lecce. 

Ci sono i loro nomi nell’avviso di conclusioni delle indagini firmato dal pubblico ministero Paola Guglielmi, secondo il quale Gabellone avrebbe beneficiato di compensi non dovuti per complessivi 48mila euro dal 2012 al 2015 (14mila euro nei primi tre anni e 5.850 per l’ultimo) e Manni non si sarebbe opposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il magistrato, l’erogazione delle somme fu illegittima, perché la fondazione Ico Tito Schipa di Lecce, ente affidatario della stagione lirica tradizionale, è da ritenersi una pubblica amministrazione (in virtù dell’articolo 3, comma 26 del D.lvo 163/2006 poi modificato dall’articolo 3 comma 1 lettera d del D.lvo 50/2016) e come tale si sarebbe dovuto rispettare l’articolo 5 del decreto legge 78/2010 convertito in legge l’11 febbraio del 2010 che dispone come lo svolgimento di qualsiasi incarico “a soggetti che ricoprono cariche elettive possa dar luogo solo a rimborso delle spese sostenute e che eventuali gettoni di presenza non possono superare l’importo di 30 euro a seduta. Per l’accusa, inoltre, sarebbe stato violato anche l’articolo 97 della Costituzione che garantisce il buon andamento e l’imparzialità della pubblica amministrazione.

Ora gli indagati, difesi dagli avvocati Francesco Baldassarre e Valeria Priore, hanno venti giorni di tempo per produrre memorie o chiedere di essere interrogati prima che il sostituto Guglielmi proceda con la richiesta di rinvio a giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento