Paura in casa Amoroso per un incendio divampato sul balcone

Nell'appartamento di Lecce dove abitano i genitori, c'era la sorella. Provvidenziale la sua presenza, perché la chiamata ai vigili del fuoco ha permesso di scongiurare problemi più seri. Il rogo partito dalla caldaia murale

Foto di repertorio.

LECCE – Momenti di paura nell’abitazione della famiglia della cantante Alessandra Amoroso per un incendio divampato, all’improvviso, sul balcone. E’ successo nella tarda serata di venerdì nell’appartamento dove abitano genitori e sorella e dove lei stessa ha vissuto infanzia e giovinezza, prima del successo come cantante, iniziato alla corte di Maria De Filippi e proseguito con una carriera di tutto rispetto.

In casa c’era proprio la sorella, ed è stata una fortuna, perché la provvidenziale chiamata ai vigili del fuoco ha scongiurato problemi più seri. L’incidente è avvenuto a Lecce, nella zona di via Taranto. I vigili del fuoco sono arrivati sul posto quando mancava circa un quarto d’ora alle 22.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rogo, stando a quanto rilevato, s’è sprigionato dalla caldaia murale sul balcone, forse per un malfunzionamento, e le fiamme hanno poi attecchito su suppellettili varie che erano depositate nelle vicinanze, provocando un vero e proprio incendio. In breve, l’intero appartamento è stato invaso dal fumo, rendendo l’aria in casa irrespirabile. I vigili del fuoco hanno spento le fiamme ed evitato, quindi, che si propagassero, provocando danni ancora più seri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento