Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca Via Nicolò Foscarini

Due misteriosi incendi: nel salone di parrucchiera e nella ditta fallita

La polizia indaga su un fatto avvenuto oggi nel capoluogo. Il rogo divampato nel salone di parrucchiera Valentina, aperto da un mese. A Melpignano, invece, distrutte da un probabile atto vandalico due motrici in un'impresa chiusa

LECCE – Due incendi si sono verificati fra ieri sera e le prime luci dell’alba di oggi. In entrambi i casi, le origini sono al momento sconosciute e sono state aperte indagini. L’episodio per certi versi più inquietante è quello di questa mattina, avvenuto pressappoco dopo l’alba (ma l’orario preciso ancora non è noto e si sta cercando di ricostruire l’evento con l’eventuale partecipazione di testimoni), proprio nel centro di Lecce.

In via Niccolò Foscarini, il rogo ha interessato una bottega di parrucchiera di proprietà di Valentina Guadadiello, che ha aperto i battenti da soli due mesi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce per spegnere le fiamme, che hanno provocato danni di media entità all’interno del salone.

L’inchiesta è affidata agli agenti della squadra mobile di Lecce, diretti dal vicequestore Michele Abenante. Sul posto anche la scientifica per i rilievi. Secondo le prime ricostruzioni, le fiamme si sarebbero sprigionate da un divanetto. Il motivo non è ancora chiaro e la stessa polizia è in attesa di ulteriori riscontri dei vigili del fuoco, per comprendere se l’episodio possa essere di natura dolosa. Al momento, si è anche in cerca di segni d’effrazione.

Il fatto è sotto la lente anche perché meno di un mese addietro, a poche decine di metri, in via Tito Minniti, un’altra attività commerciale che ha inaugurato da poco, il bar White, è stata presa di mira da un atto – in quel caso - di sicura natura dolosa, con fiamme divampate sulla moquette esterna, davanti all’ingresso, che hanno sprigionato calore tale da provocare crepe nella vetrina. Ovviamente, per ora, non vi sono comunque motivi per mettere in relazione i due episodi, tanto più che deve essere accertata ancora l’eventuale natura dolosa del fatto di questa mattina.

IMG_6654-3Un altro evento, questa volta particolarmente strano, è invece avvenuto nella zona industriale di Melpignano, intorno alle 19 di ieri, in strada vicinale Montenero. Anche in questo caso sono dovuti intervenire i vigili del fuoco, per spegnere un ampio rogo, che ha interessato due motrici ferme da tempo immemorabile all’interno di un’area dismessa (composta da una tettoia sorretta da alcune colonne), dove aveva sede la ditta Impreservice, dichiarata fallita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Corigliano d’Otranto, dipendenti dalla compagnia di Maglie, coordinati dal maggiore Andrea Azzolini.

Difficile stabilire se possa trattarsi di un evento doloso, anche perché nel momento in cui sono arrivati i vigili del fuoco del distaccamento magliese, la zona era interessata dalla pioggia ed eventuali segni potrebbero essere stati cancellati dall’acqua. Di certo, sembra prendere piede più che l’altro l’ipotesi – nell’eventualità - di un gesto vandalico. La ditta, come detto, è ormai fallita, i dipendenti licenziati da tempo, di mezzo non vi sono neanche questioni assicurative e le motrici non avevano nemmeno un valore particolare, tanto che il danno complessivo non supererebbe gli 8mila euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due misteriosi incendi: nel salone di parrucchiera e nella ditta fallita

LeccePrima è in caricamento