menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiamme nel capannone, cede il tetto. Maltempo e danni, ore d’inferno

Nella notte alberi caduti, allagamenti - come nel sottopassaggio di viale Leopardi -, persino linee dell'Enel tranciate. All'alba, poi, incendio in un capannone della Sic Divisione Elettronica. Danni ingenti

LECCE – Lampi, fulmini, pioggia scrosciante. Il temporale abbattutosi nella notte su Lecce e in varie zone della provincia è stato relativamente breve, ma di tale intensità da provocare danni e disagi protrattisi fino a mattinata inoltrata. E, come se non bastasse questo, con i vigili del fuoco già impegnati in un lavoro extra, verso l’alba si è verificato anche un incendio nella zona industriale.

Qui, si è sviluppato un rogo piuttosto vasto che ha interessato in particolare il capannone centrale dell’azienda Sic Divisione Elettronica di viale Gran Bretagna specializzata soprattutto nella produzione di pannelli fotovoltaici. Fra imballaggi e materiali, dunque, all’interno c’era diverso materiale infiammabile. Appena è stato notato il fumo fuoriuscire, sono stati chiamati i vigili del fuoco. Dal comando provinciale sono state subito inviate sul posto due squadre. Gli operatori si sono addentrati con i respiratori e hanno domato il rogo. L’intervento è terminato attorno alle 9 del mattino. E i danni sono stati ingenti.

Il tetto del capannone, infatti, ha subito un vero e proprio cedimento e il locale non è al momento agibile. Mentre il materiale all'interno, specialmente di tipo plastico, è andato del tutto distrutto. Quanto alle cause, devono essere accertarte con precisione. Dovrebbero essere di tipo accidentale. Sul posto si sono diretti anche i carabinieri della sezione radiomobile. E, a quanto sembra, dalle videocamere, si noterebbe attorno alle 5 del mattino l'accensione spontanea di una fiamma in un macchinario.         

WhatsApp Image 2020-07-16 at 09.26.00-2

Ma quanto avvenuto nella zona industriale è stato solo l’ultimo di una serie di interventi che in quel momento erano ancora in atto specie nelle zone attorno al capoluogo e nel nord Salento, fra scantinati allagati e alberi caduti sulle strade. La violenza degli elementi è stata tale che, a Campi Salentina, sono state persino tranciate alcune linee dell’Enel. E a Lecce, per la quantità d’acqua caduta, nel cuore della notte si è allagato il sottopassaggio di viale Leopardi, che è stato presidiato dagli agenti di polizia locale.

In mattinata, si è verificato anche qualche episodio di caduta di calcinacci, come in via Zanardelli, in cui senz'altro vi è stata la complicità del forte acquazzone notturno. Mentre in via Pietro Palumbo, alle spalle di viale dell'Università, si è aperto uno squarcio nella strada. Un uomo è anche caduto, riportando ferite lievi.

6ad2f69a-f42a-45d2-acd3-3cd7096b9134-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento