Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Buona sanità: tre equipe, una patologia rara, un delicato intervento. Salvata una donna

Una paziente 62enne di Brindisi è stata salvata grazie ad un intervento multidisciplinare di cardiochirurghi, chirurghi vascolari e urologi del "Vito Fazzi" di Lecce. Soffriva di un tumore renale destro con interessamento trombotico dell'atrio. Casi simili sono rari a livello mondiale

LECCE – La buona sanità opposta ai mille casi di presunta malasanità che spesso riempiono le cronache, salvo poi rivelarsi, a volte, vere e proprie bolle di sapone che scoppiano senza lasciare traccia di sé. Sarà invece ricordato a lungo il lavoro complesso, che ha visto all’opera ben tre equipe mediche, ognuna attiva sulla stessa paziente per le proprie mansioni e in via simultanea.

A serio rischio era una donna di 62 anni di Brindisi, per un caso clinico talmente delicato di tumore renale e trombosi cavale fino all’atrio destro, da risultare il primo del genere mai operato presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

La patologia, a livello mondiale, spiegano i dirigenti dell’Asl leccese, è talmente rara che in Italia di interventi simili se ne svolgono appena uno o due all’anno.

Come spesso accade, la perfetta riuscita di un caso, anche molto delicato, nasce dalle prime battute, ovvero da una diagnosi brillante e tempestiva. E in questo caso un ruolo determinante hanno giocato Cosimo Greco, ecografista in cardiochirurgia e Luca Giordano, del servizio di radiodiagnostica del “Fazzi”, (reparto diretto da Massimo Torsello). Sono loro ad aver scoperto un tumore renale destro con interessamento trombotico dell’atrio.

A quel punto è intervenuto Salvatore Zaccaria, responsabile di cardiochirurgia, che ha subito preso contatto con Antonio Filoni, direttore di urologia. Dopo aver visionato insieme i radiogrammi Tac, i due specialisti hanno immediatamente imbastito una squadra multidisciplinare per risolvere il difficile problema. 

Dopo la discussione e l’esecuzione degli esami pre-operatori, il 22 ottobre l’equipe composta dal Filoni e da suo collaboratore, l’urologo Giuseppe Caretto, più da Zaccaria con i suoi assistenti, i cardiochirurghi Giuseppe Scrascia e Antonio Scotto, e da Salvatore Tondo (chirurgo vascolare), si sono ritrovati nella sala operatoria di cardiochirurgia. Qui hanno eseguito l’intervento di asportazione della massa renale con il trombo in vena cava inferiore e la massa nell’atrio destro, a cuore fermo e in ipotermia profonda con arresto totale di circolo.

L’intervento è durato circa sette ore e s’è svolto sotto la sorveglianza degli anestesisti Andrea Circella e Luigi De Razza, coordinati da Gateano Centonze, e con la collaborazione degli infermieri strumentisti Napoli, Martena, Loderini e Leone, i tecnici della circolazione extracorporea Balena e Falcone e l’intero personale sala operatoria, coordinati dalla caposala di cardiochirurgia, Agnese Melechì.

Dopo sole venti ore di terapia intensiva la paziente 62enne è ritornata nella propria sala di degenza ed è stata subito in grado di ringraziare il personale. Spiegano dall’Asl: “L’esecuzione di un intervento chirurgico radicale con l’asportazione contemporanea della neoplasia primitiva localizzata al rene insieme alla voluminosa trombosi neoplastica che dal rene risaliva, in sede retro e sovraepatica nella vena cava inferiore per arrivare fino al cuore (atrio destro), non è comune e la morte in caso di distacco del trombo può avvenire in pochi minuti”.

Il contemporaneo interessamento di rene, fegato, vena cava inferiore e cuore ha reso necessario un approccio multidisciplinare: cardiochirurghi (con circolazione extracorporea per asportare il grosso trombo presente nel cuore), chirurghi vascolari e urologi. L’intervento ha richiesto inoltre la liberazione della massa dal fegato, di tutta la vena cava inferiore retro epatica, dove avviene il deflusso del sangue del fegato.

Per questo, parte dell’intervento è stato eseguito in circolazione extracorporea, per prevenire una massiccia emorragia durante la fase di asportazione del grosso trombo. Il personale medico e paramedico della terapia intensiva di cardiochirurgia (coordinato dal dottor Centonze e dal caposala Rocco Cannazza) si è poi alternato per garantire un adeguato risveglio della paziente. Il reparto di cardiochirurgia, per garantirne le cure successive, ha concluso l’opera in modo favorevole.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buona sanità: tre equipe, una patologia rara, un delicato intervento. Salvata una donna

LeccePrima è in caricamento