Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Leuca / Viale Marche

Leccese e afgano litigano per una rumena: scatta denuncia e arresto per evasione

Storia meticcia di gelosie verso la ragazza. Tutto è accaduto questa mattina all'alba sua viale Marche. Dai controlli della polizia è poi emerso che il giovane originario dell'Afganistan era ai domiciliari per rissa. Querelato anche dalla sua ex

LECCE – Storia meticcia di gelosie verso una rumena 22enne, tra un afgano di 21 anni e un leccese di 25, con i due ragazzi che litigano animatamente per lei. Vi è pure un altro afgano, ma è solo una comparsa, che non ha avuto alcun ruolo rilevante nella vicenda. 

Naveed Cul, invece, domiciliato a Lecce, è stato arrestato dagli agenti delle volanti per evasione dai domiciliari. Rissoso, il ragazzo – già lo scorso  maggio era stato arrestato, sempre dalla polizia, a seguito di una rissa scoppiata in via Duca degli Abruzzi, poi finito ai domiciliari per evasione avvenuta lo scorso 14 giugno e il 13 luglio 13.07.2013  –, questa mattina all’alba, intorno alle 4.20, le manette, ancora una volta, gli sono scattate ai polsi. E sempre per evasione. Solo che in questa occasione il magistrato di turno ha disposto per lui il carcere. Anche, perché, sull’afgano pendeva la querela presentata dalla sua ex compagna, e altri precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.CUL NAVEED-2

I fatti si sono svolti nella nottata, quando i poliziotti, a bordo di una volante mentre percorrevano viale Marche, hanno notato il gruppo composto dai quattro giovani litigare per strada animatamente. E gli agenti hanno voluto vederci più chiaro. Naveed Cul era senza documenti, ma la ragazza che era lì è risultata essere stata la sua ex compagna, che a maggio scorso aveva ha proposto querela nei suoi confronti per lesioni personali, minacce ed atti persecutori.

La polizia ha quindi accertato che il leccese, L.C. le sue iniziali, in quanto amico della giovane rumena, aveva suscitato la gelosia del ragazzo afgano, e da qui era scoppiata la lite. Stando a quanto denunciato,  però, il salentino avrebbe aggredito il rivale servendosi di un bastone, minacciandolo di morte, e che il bastone sarebbe stato poi riposto nell’auto con cui era giunto sul posto. In effetti gli agenti delle volanti hanno accertato, perquisendo il mezzo,  che nel vano bagagli vi era una mazza da baseball. Quanto basta per denunciare il 25enne per minacce gravi e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leccese e afgano litigano per una rumena: scatta denuncia e arresto per evasione

LeccePrima è in caricamento