menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia in via Fiume (foto di repertori

Polizia in via Fiume (foto di repertori

Tragedia nella notte: studente straniero si barrica nella stanza e si suicida

La vittima è un 26enne cinese. La scoperta nel rione San Pio di Lecce. Ha sigillato con nastro porta e finestra e acceso tre bracieri

LECCE – Tragedia alle prime ore del giorno nel rione San Pio di Lecce. Un giovane originario della Cina, di 26 anni, si è tolto la vita per asfissia, dopo aver acceso tre bracieri nella sua stanza da letto, provocando così il consumo dell’ossigeno all’interno. Risale alle 5,40 di questa mattina l’intervento di una volante di polizia, in via Fiume, per constatare quanto avvenuto. Il ragazzo, nel capoluogo salentino per motivo di studio e con permesso di soggiorno ancora valido fino al prossimo agosto, condivideva l’appartamento con in connazionale.

Secondo quanto accertato dalla polizia (dopo la scoperta, per i rilievi, sono andati gli specialisti della scientifica), nel corso della nottata il 26enne si è rinchiuso nella sua camera, avendo premura di sigillare con nastro adesivo la porta e la finestra perché non filtrasse aria, dopodiché ha acceso tre bracieri. La combustione ha fatto il resto.

Avvisato il magistrato di turno, la Questura si è attivata per cercare un interprete. Questo, allo scopo di ricostruire meglio l’accaduta, sia ascoltando il suo compagno d’appartamento, sia traducendo un biglietto scritto dal 26enne in cui si presume siano spiegati i motivi alla base dell’insano gesto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento