Cronaca Via Rocco Scotellaro

Va ad aprire la scuola di danza e trova la vetrina perforata da due colpi di pistola

Brutta sorpresa per i gestori della scuola di danza "Tropicalia" del rione Salesiani, a Lecce. Alla riapertura delle attività, questa sera, intorno alle 18, uno dei direttori del centro ha scoperto che ignoti hanno esploso colpi d'arma da fuoco. Sul posto le volanti di polizia e la scientifica

LECCE – Brutta sorpresa per i gestori della scuola di danza “Topicalia” del rione Salesiani, a Lecce, Giuseppe e Annamaria Montefiore. Alla riapertura delle attività, questa sera, intorno alle 18, sulla vetrata del centro in cui s’insegnano balli latino-americani, sono stati trovati due vistosi fori, provocati da colpi d’arma da fuoco esplosi dall'esterno. Nella traiettoria, uno dei proiettili s'è conficcato contro la parete interna dell'immobile, mentre il secondo ha perforato una bacheca.  

La scuola di danza si trova in uno stabile di via Rocco Scotellaro, al civico 13, e, come abituale per questo genere di attività, apre i battenti nel tardo pomeriggio. Ecco perché è difficile, al momento, stabilire quando davvero sia stato portato a termine quello che sembrerebbe un atto intimidatorio in piena regola, anche se con movente per ora ignoto.

La squadra mobile, che sta conducendo le indagini, sotto il coordinamento del vicequestore Sabrina Manzone, sta vagliando alcune testimonianze. Alcuni residenti potrebbero aver udito qualcosa nel pomeriggio. Questo nonostante inizialmente sembrasse improbabile che un episodio del genere potesse essere avvenuto alla luce del giorno, quindi nell’arco della mattina o nel primo pomeriggio.

Anche perché la scuola sorge proprio accanto a un bar e in una strada cittadina in linea generale piuttosto trafficata nelle ore diurne, che si riallaccia con via Alcide De Gasperi. Da qui l'ipotesi iniziale che gli spari potessero essere stati esplosi nel cuore della notte di sabato o domenica. 

E’ stato Giuseppe Montefiore, in particolare, a scoprire il danneggiamento e a chiamare subito il 113. Sul posto è intervenuta una volante di polizia. Gli agenti, dopo un primo sopralluogo, hanno preso contatto con gli specialisti della scientifica per i rilievi.

La porta d’ingresso era sbarrata dalla classica serranda avvolgibile tubolare, che lascia scoperte ampie porzioni di vetrata. Gli spari hanno quindi trovato nella sola vetrata un ostacolo con scarsa resistenza. Uno dei colpi è stato indirizzato verso il centro esatto, ad altezza d’uomo, perforando curiosamente una locandina che pubblicizza alcuni corsi di autodifesa e anti-aggressione femminile, tenuti però altrove e da un’altra associazione.

Il secondo, invece, è stato esploso verso l’alto, quasi in prossimità dell’angolo sinistro della porta. Forse, chi ha impugnato l’arma, l’ha fatto da posizione centrale e da una distanza di qualche metro. Di certo, non sembra che nessuno fra i residenti della zona si sia accorto di nulla, se è vero che la scoperta è avvenuta solo nel tardo pomeriggio di oggi. 

I proprietari, ascoltati nell’immediato dagli investigatori, hanno escluso di aver mai subito richieste estorsive o di essere stati minacciati da qualcuno per altre ragioni. Per il momento, dunque, il motivo all'origine dell'episodio resta un mistero. Un problema, nella conduzione dell'indagine, è rappresentato dall'assenza di videocamere di sorveglianza.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va ad aprire la scuola di danza e trova la vetrina perforata da due colpi di pistola

LeccePrima è in caricamento