Paralisi nel recapito della posta. Sindacati si appellano all’Agcom

Uil e Adoc Lecce denunciano disservizi: “Corrispondenza a giorni alterni e tagli ai portalettere generano ritardi inaccettabili e lamentele dell’utenza”

LECCE - Un esposto all’Agcom, l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni, è stato inviato nelle scorse ore dalla segreteria provinciale della Uil e di UilPoste, la categoria che rappresenta i lavoratori postali, unitamente all’associazione per la difesa dei consumatori Adoc di Lecce.

Nell’esposto si denunciano una serie di problematiche riguardanti il servizio di recapito postale e i tagli effettuati nell’ultimo periodo dall’azienda Poste Italiane al numero di portalettere nella provincia di Lecce, con conseguenti disagi per l’utenza.

“Già dal 2015 – si legge nella lettera a firma del segretario Salvatore Giannetto (Uil), Oreste Amante (UilPoste) e Alessandro Presicce (Adoc) – Poste Italiane sta implementando la nuova organizzazione del recapito della corrispondenza denominata “a giorni alterni”.

Ad aprile scorso, tuttavia, la UilPoste nazionale aveva evidenziato le anomalie e le incongruenze di tale nuova delibera aziendale rispetto al mandato ricevuto da Agcom ed il disallineamento rispetto alla direttiva europea 67 del 97. Dal mese di agosto, inoltre, questo provvedimento è stato implementato sul territorio salentino con il conseguente taglio di personale da adibire al recapito ed il considerevole aumento di carico di lavoro e competenza territoriale per ogni lavoratore portalettere.

Sin dai primi giorni, infatti, si è evidenziata “l’impossibilità e l’insostenibilità di tale progetto riorganizzativo aziendale in quanto i nuovi carichi di lavoro non consentivano e non consentono il rispetto dei parametri di qualità del servizio né tantomeno gli impegni derivanti dalla normativa vigente in materia di erogazione del servizio universale”.

Numerose le criticità evidenziate dal sindacato nell’esposto. “Reiterate e quotidiane – segnalano Giannetto e Amante - sono le proteste dei cittadini che non ottengono un servizio adeguato; lunghe le code di utenti arrabbiati agli sportelli degli uffici per reclamare la consegna di bollette e fatture ormai scadute da tempo; ricorrenti i reclami di destinatari di corrispondenza tracciata che online riscontrano la lunghissima giacenza della corrispondenza nei Centri Postali senza avere la possibilità di ottenerne la consegna”.

Il 13 novembre scorso, il sindacato di categoria ha inviato alle varie strutture aziendali regionali un’ulteriore nota di allarme per segnalare l’emergenza recapito. Nota in cui si denunciava uno stato di “paralisi” del settore con quintali se non tonnellate di corrispondenza giacente presso i centri postali in attesa di poter essere recapitata. “A tale nota purtroppo ad oggi – spiega il segretario del sindacato di categoria, Amante - nessun cenno di riscontro mentre il servizio langue l’utente continua impotente ad aspettare che la propria corrispondenza gli possa essere prima o poi recapitata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione, secondo Uil, UilPoste e Adoc, sta assumendo dimensioni preoccupanti ed a poco varrebbero “gli accorgimenti tampone che giorno per giorno vengono messi in atto nel tentativo di arginare una deriva in cui sta scivolando il servizio di recapito che ha la necessità di interventi strutturali ed organizzativi che possano garantire il servizio postale nei termini previsti e per cui  l’autorità ha il diritto ed il dovere di vigilare”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento