Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca Rudiae / Via Monteroni

Prostituta denuncia rapina: transessuale insegue e blocca il calciatore Dramè

Il francese al centro delle cronache per una vicenda ai limiti dell'incredibile. Secondo una donna nigeriana, non avendo contanti avrebbe offerto un I-Phone per una prestazione sessuale, riprendendolo, fuggendo e ferendo un trans che lo inseguiva. Consegnato alla polizia. La società valuta la risoluzione del contratto

Il calciatore del Lecce Dramè.

LECCE – La storia in sé e per sé sarebbe già ai limiti dell’incredibile, ma la questione s’innalza alle cronache soprattutto alla luce del fatto che, il protagonista, altri non sarebbe che Ousmane Dramè, 22enne, francese, calciatore del Lecce, arrivato a gennaio in prestito dall’Ascoli (ma il cartellino è di proprietà del Padova). 

Il terzino sinistro, fino ad oggi, era passato all’attenzione generale per aver siglato un gol di pregevole fattura nella gara di ritorno della semifinale di Coppa Italia di Lega Pro in casa del Latina, terminata 1-2, e disputata mercoledì 13 marzo. Oggi, a distanza di poco più di un mese, vi ritorna per una vicenda dai contorni veramente singolari. E non per occupare le cronache sportive, ma quelle giudiziarie. Tanto da rischiare di dover rispondere in tribunale di rapina impropria e lesioni. I reati per i quali è stato denunciato. 

Quando si dice la solidarietà tra “colleghi”. Dramè, non avrebbe avuto a disposizione denaro contante e sarebbe persino fuggito, dopo aver rapinato una prostituta della sua borsetta, pedalando in sella alla sua bicicletta; un transessuale, dopo aver assistito alla scena, si è però messo all’inseguimento, facendosi dare un passaggio da un automobilista. Telefonando nel frattempo al 113, raggiungendo il giovane calciatore e bloccandolo, favorito anche dall’intervento degli agenti delle volanti, ormai giunti sul posto.   

Ci sono tutti gli elementi per una scena da film girato nel sobborghi metropolitani e invece tutto è accaduto a Lecce, dopo la mezzanotte, nei pressi di piazzale Rudiae, dove spesso si consuma la prostituzione “mordi e fuggi”, è il caso di dire. 

La prostituta, una donna nigeriana, ha raccontato agli agenti di essere stata avvicinata dal ragazzo per una prestazione sessuale, che comunque non avrebbe potuto pagare - pare le abbia detto - non avendo con sé denaro. Motivo per il quale, pur di consumare, Dramè le avrebbe offerto in cambio il suo telefono cellulare, un I-Phone V, valore commerciale 700 euro. E la cosa è andata avanti. Ma, prima che la prestazione terminasse, il giovane si sarebbe ripreso il telefonino per fuggire poi in sella alla sua bicicletta. 

La scena non è passata inosservata a un transessuale della zona, che non ci ha pensato su due volte prima di intervenire in soccorso della prostituta. Così si fa sulla strada, ci si aiuta se qualcosa dovesse andare storto. E allora ha chiesto un passaggio a un automobilista che viaggiava a bordo di una Fiat Panda. I due si sono messi all’inseguimento del 21enne. 

Il transessuale è riuscito a bloccare Dramè su via Monteroni, a qualche centinaio di metri da piazzale Rudiae, nei pressi della caserma di cavalleria. Fermarlo non sarebbe stato proprio facile, però, perché il calciatore francese sembra proprio che non avesse intenzione di lasciare la borsetta rapinata alla prostituta. Tant’è che con uno sgambetto (di quelli che si fanno in campo agli avversari in fuga verso la porta) avrebbe pesino fatto cadere per terra l’inseguitore, causandogli contusioni e graffi a una gamba e ad un braccio. Nel frattempo, però, è giunta sul posto una pattuglia delle volanti. Gli agenti hanno bloccato il 21enne, identificandolo e denunciandolo, dopo aver ricostruito l'intera vicenda grazie anche alle varie testimonianze. Gli atti andranno in mano al sostituto procuratore Paola Guglielmi.

LA SOCIETA' PRENDE POSIZIONE: CONTRATTO A RISCHIO

In queste ore, l'Unione sportiva Lecce ha assunto una posizione sulla vicenda, annunciando possibili provvedimenti. Ovviamente, conseguenti agli eventuali sviluppi. "In merito alle notizie, riportate da alcuni organi di stampa e riguardanti,  presumibilmente, il calciatore Ousmane Dramè, l’Unione Sportiva Lecce, se i fatti  dovessero essere confermati, esprime la propria più ferma indignazione per  quanto accaduto e annuncia l’esclusione del suddetto giocatore da tutte le  attività della squadra, riservandosi di richiedere la risoluzione del contratto  con procedura d’urgenza.  L’Unione Sportiva Lecce - conclude la nota - valuterà, inoltre, la possibilità di intraprendere un’azione di  risarcimento danni a tutela della propria immagine".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituta denuncia rapina: transessuale insegue e blocca il calciatore Dramè

LeccePrima è in caricamento