Cronaca Centro / vico dei rivola

Blitz della municipale nella casa a "luci rosse". Sequestro e denuncia per 38enne

Una donna di origine colombiana deferita per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. E' la proprietaria di un immobile in vico dei Rivola dove avrebbe esercitato una 27enne dominicana. Identificati diversi clienti

I sigilli apposti in vico dei Rivola.

LECCE – Cinque giorni di appostamenti, poi, nella tarda serata di ieri, il blitz, con tanto di controlli a “clienti”, sentiti a sommarie informazioni, sequestro di un appartamento, dove si sarebbe esercitata la prostituzione, e denuncia a piede libero per una donna colombiana, ma con nazionalità italiana, di 38 anni, proprietaria dell’immobile.

Gli agenti del comando di polizia municipale di Lecce hanno chiuso il cerchio su un giro a luci rosse nel centro storico, a pochi metri dal rettorato dell’Università del Salento. Anzi, talmente vicino che si sono anche fatti “prestare” una stanza dai responsabili dell’ateneo, al primo piano dell’antico palazzo, con vista sul luogo da tenere sotto costante controllo.

Tutto è nato da alcune segnalazioni di cittadini agli agenti della polizia municipale, secondo i quali, una delle tante, vecchie abitazioni del centro storico, al civico 23 di vico dei Rivola, sarebbe stata trasformata in una casa d’appuntamenti. Un giro evidentemente difficile da far passare inosservato.  Gli agenti hanno quindi deciso di svolgere le opportune verifiche e, alternandosi negli appostamenti, da quella stanza dell’amministrazione universitaria hanno controllato l’andirivieni di persone.

foto-91-6Nella serata di ieri, dopo aver registrato ore di filmati e scattato decine di fotografie, la municipale è venuta allo scoperto, bloccando gli accessi nel tortuoso budello di vicoli di quella fetta di città e fermando quattro persone che, in orari diversi, erano uscite da quell’abitazione. Le prime tre sono state identificate e ascoltate. E quando dall’abitazione s’è accomiatata anche la quarta, a quel punto, avendo l’uscio già spalancato, gli agenti hanno fatto irruzione.

In casa hanno trovato una giovane donna nativa di Santo Domingo, di 27 anni. Permesso in regola, avrebbe dichiarato di essere ospite della proprietaria. Sentito il pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Antonio Negro, all’abitazione sono stati apposti i sigilli. Un sequestro preventivo, condito da una denuncia, alla proprietaria. Convocata presso il comando, dove s’è presentata con i suoi legali, gli avvocati Mario Fazzini e Vincenzo Magi, la donna colombiana è ora indagata per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. L’abitazione l’è stata affidata in custodia giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz della municipale nella casa a "luci rosse". Sequestro e denuncia per 38enne

LeccePrima è in caricamento