Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca Leuca / Via Merine

Il self-service gli costa molto caro: rapinato senza armi della Bmw Serie 1

"O mi dai la macchina o ti sparo", ha detto un malvivente sbucato dal nulla. E' successo nella notte nell'area Ip di via Merine. Il fuggitivo ha poi svoltato verso viale Rossini ed è scomparso del tutto. La vittima ha chiamato la polizia

LECCE - “O mi dai la macchina o ti sparo”. La variante contemporanea del classico o la borsa o la vita. Se avesse potuto premere veramente un grilletto, non si sa. Lo sconosciuto non ha esibito armi. Non aveva nemmeno il volto del tutto coperto. Giusto un berretto da baseball, con visiera. Potere della suggestione: un angolo buio di periferia, una frase minacciosa, la mente che si blocca di fronte alla sorpresa inaspettata. Un vero choc.

La disavventura, alle 2 di notte. Vittima, un giovane leccese sulle trentina d’anni che, rientrando in città, si era fermato a fare benzina nell’area di servizio Ip di via Merine, quasi all’incrocio con via Piero Della Francesca e di fronte al parcheggio del discount Md che ha l’ingresso principale su via Nino Della Notte. Un piccolo distributore storico, quello di via Merine, presente da decenni, e con self-service. Ed è ovviamente per fare benzina al distributore automatico che il giovane s'è fermato. Con il malintenzionato che ha agito noncurante, o forse inconsapevole, dell’esistenza di un impianto di videosorveglianza. Le immagini, ora, sono in mano alla questura. 

Chissà quanto tempo avrà atteso il malvivente, prima dell’opportunità giusta. Perché, o è stato fortunato, o ha aspettato davvero con pazienza che si presentasse un veicolo degno di questo nome. Non s’è accontentato di una qualunque utilitaria, infatti, ma è fuggito a bordo di una potente Bmw Serie 1. Quindi, è possibile che qualche altro bisognoso di carburante arrivato in precedenza si sia salvato sol operché la sua auto non era particolarmente desiderata.

Il giovane era appena sceso, dunque, quando dal nulla è spuntato il malvivente (in quella zona potrebbe essere rimasto nascosto per ore senza essere notato da nessuno) che, in un attimo, s’è infilato nell’auto ed è ripartito come un razzo in direzione della città, dopo essersi fatto largo con quella minaccia.

La vittima l’ha visto superare l’incrocio semaforico con via Marugi a forte velocità, proseguire dritto all’altezza dell’incrocio con viale Rossini e svoltare verso sinistra. Da lì è sparito alla vista, quindi la via di fuga definitiva è solo ipotetica. Un’idea, però, è che possa aver imboccato poche centinaia di metri più avanti la statale 16 Maglie-Lecce per poi svoltare verso chissà qualche svincolo. Troppo rischioso sarebbe stato girare dentro il capoluogo con una riconoscibile Bmw Serie 1 appena rubata.

Il depredato ha subito chiamato la polizia. Sul posto è arrivata una volante, mentre altre pattuglie hanno iniziato a perlustrare in zona, ma senza esito. Il giovane non è stato in grado di fornire molte indicazioni. Di sicuro, non ricorda di aver visto chiaramente una pistola. E l’accento del rapinatore gli è parso marcatamente locale. E meno male che al self-service si risparmia. Al malcapitato il pieno gli è costato fin troppo caro.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il self-service gli costa molto caro: rapinato senza armi della Bmw Serie 1

LeccePrima è in caricamento