Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Rudiae / Viale Giuseppe Grassi

Rapina all'alba: pestano il direttore del Dico e fuggono con i soldi della cassaforte

Rude assalto alle 7,30 del mattino di due malviventi armati di pistola nel discount in una traversa di viale Grassi. I malviventi hanno sottratto seimila euro, non esitando a malmenare il direttore. Sono fuggiti a bordo di un'utilitaria. Sul posto, per le indagini, la polizia

Foto di Antonio Quarta.

LECCE – L’assalto è avvenuto alle prime luci del mattino. Ed è stato più feroce del solito. A farne le spese è stato il direttore, malmenato con ripetuti colpi in testa, fino a quando l'aguzzino non hanno ottenuto quello che voleva: i soldi custoditi in cassaforte. L'uomo, Stefano Melissano, mezzo tramortito, è riuscito poco dopo a chiedere soccorso.  

E’ stato tanto inusuale veder sbucare un rapinatore alle 7,30, che appare evidente come questi e il complice che l'attendeva all'esterno in auto, sapessero bene di poter arraffare un bottino corposo.

Il bottino, ingente, è superiore ai seimila euro. Si tratta, infatti, dell’incasso degli ultimi giorni d’attività del discount “Dico” di via De Castris, traversa di viale Grassi, proprio alle spalle di un grosso concessionario di automobili. Fino ad oggi quell'attività aveva già ricevuto in due occasioni la visita di altri malviventi, i quali però non si erano dimostrati molto lesti.

I due che si sono presentati questa mattina, invece, sembravano più determinati e ferrati in materia di rapine. Quello che ha fatto irruzione, aveva il volto coperto da un casco integrale ed era armato di una pistola. Per agire ha scelto un momento in cui non c'era praticamente nessuno, all'infuori della vittima, considerato l’orario. Il discount, infatti, avrebbe aperto i battenti da lì a poco. Tradendo un accento campano, il bandito ha manifestato subito le sue intenzioni, senza mezzi termini. 

Quando ha incrociato il direttore dell’attività, infatti, non ha esitato a minacciarlo con l'arma spianata e, forse trovando una certa resistenza, ad intimorirlo con un pestaggio in piena regola. E solo dopo l’uomo ha aperto la cassaforte posta nell’ufficio. 

Il rapinatore ha prelevato i soldi in contanti, destinati altrimenti a finire sul conto corrente bancario del discount, ed è subito scappato verso l’esterno, dov'è salito a bordo di una piccola un’utilitaria di colore scuro, condotta da un socio, per poi fuggire, svoltando verso sinistra, dunque presumibilmente in direzione della provinciale per San Cesario di Lecce e Galatina, da dove poi avrebbero potuto raggiungere diverse uscite per altre località.

Sul posto, per il primo sopralluogo, sono intervenuti gli agenti di polizia delle volanti. La denuncia è stata poi presentata presso gli uffici della squadra mobile.         

Negli ultimi tempi quel discount alla periferia di Lecce, aperto piuttosto di recente, come anticipato, era già stato preso di mira due volte. Ma in un caso, a giugno, tre donne brindisine erano state bloccate in fuga dalla polizia e denunciate, dopo che avevano persino rischiato d’investire una commessa uscita per inseguirle.

Più di recente, poi, il 13 settembre scorso, un episodio grottesco: un rapinatore solitario, nella foga, aveva distrutto la pistola, sbattendola contro il bancone, rivelando così come si trattasse semplicemente di un giocattolo di scarsa qualità. Era stato quindi obbligato dalle circostanze a fuggire a mani vuote. Ma questa volta non c’è stato niente di comico e nessun contrattempo. E, anzi, la particolare rudezza dei rapinatori ha suscitato vero e proprio terrore nel malcapitato direttore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina all'alba: pestano il direttore del Dico e fuggono con i soldi della cassaforte

LeccePrima è in caricamento