Attende la fidanzata, si fanno avanti i rapinatori: minacciato con pistola cede la sua auto

La rapina nella notte appena trascorsa nei pressi del Bar Commercio. Un 29enne è stato affrontato da malviventi armati di una pistola a tamburo. Costretto a cedere la Grande Punto intestata al padre, li ha visti fuggire in direzione di via Adriatica. Un altro colpo ieri sera in un negozio d Lequile

LECCE – Se li è trovati di fronte, all’improvviso, nella penombra e in una zona periferica. Uno stringeva una pistola fra le mani, l’altro è stato lesto a infilarsi nell’abitacolo e mettersi al volante. La vittima, un giovane, era da sola. In strada, in quel momento, non passava nessuno. Non ha saputo, né potuto reagire. E' stato costretto a cedere l’auto.

E’ caccia all’uomo, in queste ore, fra Lecce e hinterland, dove un 29enne è stato rapinato del veicolo intestato al padre, una Fiat Grande Punto, nel cuore della notte.

Il giovane era fermo in auto, nei pressi del Bar Commercio, all’imbocco fra la strada statale 613 che collega il capoluogo salentino a Brindisi e via Adriatica. Attendeva che arrivasse la sua fidanzata. Ma invece della ragazza si sono fatti avanti un paio di energumeni. Non li ha visti sopraggiungere, perché proprio in quel momento era impegnato con il cellulare. Colto letteralmente di sorpresa, non ha avuto il tempo necessario neanche per avviare il motore e allontanarsi.

Erano circa le 23,30 quando il 29enne leccese s’è ritrovato di fronte un uomo con il volto in parte coperto da una sciarpa. Nella descrizione resa agli agenti delle volanti, che di lì a poco avrebbero raggiunto piazza dei Bastioni, l’individuo impugnava una pistola a tamburo di grosse dimensioni e aveva accento locale.

Obbligato a scendere, al volante s’è poi messo un complice del malvivente armato, che fino a quel momento era rimasto in disparte. I due rapinatori, che hanno anche sottratto il cellulare, per evitare che la vittima potesse contattare immediatamente la polizia, sono poi fuggiti in direzione di via Adriatica, in direzione delle marine.

Questa mattina gli investigatori della squadra mobile hanno svolto un ulteriore sopralluogo. Qualche indicazione potrebbe eventualmente arrivare dalle telecamere di video-sorveglianza di varie attività, fra cui le due banche presenti in zona, l’Arditi Galati e la Bancapulia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella della notte appena trascorsa non è stata l’unica rapina delle ultime ore. Un altro colpo risale alla serata di ieri, a Lequile, intorno alle 20,30. Una persona travisata e armata di taglierino ha fatto irruzione nel negozio di abbigliamento “Il girasole” di piazza San Francesco.  Il malvivente ha sottratto circa 300 euro ed è fuggito a piedi. Per quest'ultimo episodio indagano i carabinieri.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento