Paura in strada: scooter lo affianca, poi spunta la pistola. Incasso rapinato

È successo ieri pomeriggio. L'uomo era da poco uscito dall'area ex Q8 di Lecce sulla statale 16. Aveva con sé quasi 1.900 euro

Foto di repertorio.

LECCE – Affiancato da due malviventi in scooter, di cui uno armato di pistola, e costretto a fermarsi dopo una serie di manovre pericolose, una sorta di gimkana per sbarragli il passo, ed essersi visto persino puntare la canna dell’arma contro. È quanto denunciato dal 55enne responsabile dell’area carburanti Madogas (ex Q8) che si trova proprio all’imbocco della strada statale 16, in uscita da Lecce, praticamente alle spalle del palazzo che ospita il Provveditorato agli studi. L’episodio risale al tardo pomeriggio di ieri, ma la vicenda è inedita ed è stata verificata da LeccePrima.

Una rapina, dunque, è quanto segnalato dall’uomo al 113, che ha fatto scattare sul posto gli agenti della Sezione volanti di polizia. Circa 1.900 euro il bottino, l’incasso della giornata di lavoro nell’area di servizio che il 55enne stava trasportando con sé. Il responsabile del distributore, che abita in provincia, smontato il turno, intorno alle 19,30 si stava accingendo quindi a rientrare nel proprio comune di residenza, quando, da poco imboccata la statale, ha spiegato di essere stato improvvisamente affiancato e poi oltrepassato da uno scooter nero. 

In sella erano in due, con caschi integrali e indumenti scuri. A un certo punto, le manovre repentine, molto pericolose, da destra verso sinistra, e viceversa. E poi, ecco spuntare una pistola, impugnata dall’uomo seduto di spalle al conducente e puntata in direzione della testa. Costretto il conducente del veicolo a bloccarsi, i rapinatori, con i soliti modi spiccioli di queste faccende, si sono impossessati del denaro, per poi allontanarsi, a quanto pare svoltando al primo svincolo utile, rispetto al punto dell’assalto, ovvero in direzione di Cavallino e del rione Castromediano.

Sono partite ricerche in tutta la zona, coinvolgendo anche i carabinieri, ma dei due misteriosi malviventi, che sembrerebbero chiaramente autori di un colpo pianificato, nessuna traccia. E a quanto pare, allo scooter era stata anche tolta o, comunque oscurata la targa, per evitare facili identificazioni. Sulla vicenda, ora, sono aperte le indagini della Squadra mobile della Questura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Tentano rapina a commercialista al rientro a casa. Reagisce e fuggono

Torna su
LeccePrima è in caricamento