Sferra calci e pugni a un senegalese per rapina, arrestato un rumeno

Botte da orbi in viale Gallipoli. E' stato lo stesso extracomunitario a fermare una volante di polizia, di fronte alla quale s'è presentato vistosamente ferito a volto e ginocchio. Ha indicato in un 41enne l'aggressore, rintracciato nella vicina via Petraglione dai poliziotti delle volanti

LECCE – Mezzanotte, va in scena la guerra dei poveri. Botte da orbi per una misera rapina. La vittima, un giovane senegalese. L’aggressore, un uomo rumeno che non ha esitato a sferrargli pugni e calci, usando forse anche qualche oggetto contundente, per rapinarlo di quanto possedeva nelle tasche, 45 euro. Georghe Marin, 41enne, è stato però rintracciato a tarda ora dagli agenti delle volanti di polizia e arrestato.

E’ stato lo stesso senegalese a fermare i poliziotti, quando ha visto una pattuglia passare intorno alle 2,50 in via Cairoli, nel centro storico, non lontano da via Duca degli Abruzzi. Davanti agli agenti delle volanti l’uomo s’è presentato con il volto tumefatto e claudicante. Aveva un vistoso rigonfiamento all’altezza dello zigomo destro e una ferita lacero contusa al ginocchio destro.

Gli agenti della volante l’hanno tranquillizzato e gli hanno chiesto di spiegare cosa fosse accaduto. Il cittadino africano ha quindi spiegato che verso mezzanotte e un quarto circa, lungo viale Gallipoli, era stato improvvisamente e depredato da un uomo di cui è stato in grado di fornire una precisa descrizione, sostenendo anche di essere in grado di riconoscerlo.

george-2Gli agenti hanno intuito che potesse essere uno dei tanti individui senza fissa dimora che di notte dormono nei pressi della stazione, e quindi hanno ipotizzato che non potesse essere lontano. Hanno avviato una serie di rapidi giri di perlustrazione, fino a quando, nei pressi del chiosco di panini che sosta fra viale Gallipoli e via Petraglione, quindi accanto all’edificio della Camera di commercio, hanno individuato l’uomo indicato dal senegalese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marin è stato condotto negli uffici della squadra volante e dichiarato in arresto per rapina e lesioni dolose. E’ stato quindi condotto nel carcere di Borgo San Nicola. La vittima, invece, è stata accompagnata presso l’ospedale “Vito Fazzi”, dove i medici hanno riscontrato un trauma da aggressione con un oggetto non specificato, guaribile in cinque giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento